Dimitri, il nipote di Gina Lollobrigida legge in chiesa per lei

E' Dimitri, il nipote di Gina Lollobrigida, che in lacrime davanti alla bara legge in chiesa per lei, al suo funerale
dimitri nipote lollobrigida

E’ Dimitri, il nipote di Gina Lollobrigida, a leggere nella chiesa degli artisti in piazza del popolo la seconda lettura, si fa forza per la sua nonna, ai funerali. E’ commosso, Dimitri fatica a leggere con le lacrime che vorrebbero venire giù, si sente in ogni frase che legge. Una nonna che lui ha sempre chiamato “Gì” perché è così che lei amava la chiamasse quando era piccolo, e non perché non si sentisse sua nonna ma semplicemente perché quel nome così piccolo e dolce le piaceva, le piaceva il suono della voce di suo nipote Dimitri. E oggi è così doloroso e strano vedere il giovane Dimitri, che a Gina Lollobrigida somiglia così tanto, leggere dal libro della Sapienza quei versi rivolti all’anima che nessun tormento toccherà. In prima fila ci sono non solo suo nipote e il figlio Milko ma anche Rigau, lo spagnolo, ex marito o vedovo.

Il nipote Dimitri commosso al funerale di Gina Lollobrigida

Dimitri per sua nonna ha letto parole importanti per chi crede, per chi ha fede e Gina credeva, la stessa fede che ha dentro suo nipote. “Le anime dei giusti sono nelle mani di Dio, nessun tormento li toccherà – è Dimitri a leggere  davanti alla bara di sua nonna – Agli occhi degli stolti parve che morissero, la loro fine fu ritenuta una sciagura, la loro partenza da noi una rovina, ma essi sono nella pace – ad ogni frase si ferma un attimo, l’emozione è forte –  Anche se agli occhi degli uomini subiscono castighi, la loro speranza resta piena d’immortalità. In cambio di una breve pena riceveranno grandi benefici, perché Dio li ha provati e li ha trovati degni di sé…”.

E’ il sacerdote che ancora una volta si rivolge poi a tutti, sembra nascondere molto nelle sue parole, desidera solo che Gina Lollobrigida che conosceva bene trovi la pace. Svela a tutti quanto è stata generosa in vita, quanto bene ha fatto senza alcuna pubblicità.

Chiede a tutti di parlare a Dio di Gina: “Non perché lui non la conosce, è sua figlia, la conosce e l’ha chiamata a sé ma questo è il nostro amore da fare arrivare a Dio perché l’amore è più forte della morte. Quando avremo bisogno di farle una carezza, di farle una telefonata la preghiera sarà il modo per arrivare al cuore di Dio e alla sua anima. Tutti, preghiamo per Gina”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.