Laura Pausini furiosa su Facebook chiede rispetto per la sua bambina

Siamo da sempre abituati a vedere Laura Pausini solare e molto semplice. La privacy per lei è sempre stata importante, è consapevole di dovere accettare la curiosità di tutti ma c’è un limite e questa volta Laura Pausini è stanca davvero, furiosa perché lei e il suo compagno devono nascondare la loro piccola Paola. Su Facebook la cantante ha esternato le sue emozioni, ha chiesto ancora una volta rispetto.

C’è qualche problema nella vita di Laura Pausini e Paolo Carta, è un porblema di privacy ed è saltato fuori in modo più evidente da quando è nata la loro bimba. Tutti i fan sono curiosi di vedere il volto della piccola Paola, ma Laura e Paolo non vogliono. Ed ecco che la Pausini lancia l’allarme e chiede aiuto tramite Facebook. In realtà chiede rispetto, lo stesso che ha chiesto e in parte ottenuto appena rese pubblica la notizia della sua gravidanza.

Ecco cosa scrive Laura Pausini sul social network: “Durante il mio viaggio nel nord e sud america come è più volte capitato negli ultimi anni, vengo seguita dai paparazzi: questo fa parte del lavoro che ho scelto e non posso che accettarlo. Cerco di essere sempre molto gentile anche quando dimostrano invadenza”. Poi la cantante romagnola prosegue: “Da otto mesi sono madre e fin dall’inizio della mia gravidanza ho chiesto ai media, così come ai miei fan, la cortesia di essere discreti con la piccola che portavo in grembo e che ora viaggia con me. Ogni Paese ha la sua legislazione nell’ambito del diritto di immagine relativo ai minori. In alcune nazioni del mondo la pubblicazione delle immagini con il volto pixelato dei minori è consentita, in altre no”. Ecco la richiesta già nota di Laura: “Io e il padre di mia figlia desideriamo che la nostra piccola non si trovi nelle condizioni di essere continuamente nascosta ogni volta che usciamo dall’hotel che ci ospita e vorremmo non dover trovare il suo volto in tutte le testate on line, video o cartacee, senza che venga oscurato. Non essendoci al momento garanzia universale di tutela della privacy dei minori, vi chiediamo gentilmente di rispettare la nostra decisione, cosi da poter permettere alla nostra piccola e a noi genitori di vivere serenamente come è giusto che sia la nostra vita familiare in giro per il mondo. Grazie“.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.