Il martedì senza Linea Gialla e La7 senza Salvo Sottile: doveva finire davvero così?

Dopo aver visto uno scempio in prima serata ma questa è un’altra storia, vogliamo fare oggi una breve riflessione sulla scelta che ha preso La7. Mettere fine a Linea Gialla, sospendere un programma nuovo di zecca con un conduttore nuovo di zecca anche per la rete e per un certo tipo di pubblico per un motivo che oggi sembra essere banale ma che vale ancora più di ieri: gli ascolti. E così Salvo Sottile saluta tutti fa le valige e attende ai box di avere un nuovo programma oppure di essere un punto di riferimento nella cronaca per il tg di La7 che oggi vanta grandi approfondimenti economici ma poche inchieste.Quello che però noi da spettatori e da persone che seguono il panorama televisivo italiano, dati auditel alla mano, ci siamo chiesti  semplice: forse Linea Gialla costava troppo alla rete…Ci sembra essere l’unica soluzione perchè prendendo anche i dati relativi agli ascolti di programmi come Le invasioni Barbariche o La gabbia non è che ci sembra che ci sia questo sfavillare di numeroni. Linea Gialla si era ripreso subito dopo le vacanze ma non aveva, secondo Cairo superato quel numerino di share che tanto fa comodo. E siamo anche d’accordo sul fatto che un programma debba avere un riscontro. Ma ci rendiamo conto anche di un’altra cosa? Su dieci persone che commentano Linea Gialla in diretta sui social, ad esempio sul profilo di Salvo Sottile twitter e Facebook, ce ne sono 7 che non riescono a vedere La7 in tv. Un dato di cui in pochi parlano ma che è del tutto reale. Questo non spiega gli ascolti bassi, ci mancherebbe abbiamo visto tutti che con Fazio e Saviano su La7 i dati auditel erano ben diversi, ma si somma a una serie di errori che secondo il nostro modesto parere sono stati fatti. Il più grande è stato quello di voler unire la politica alla cronaca nel tentativo di conquistare il pubblico di La7 invece che convincere i fans di Salvo a seguirlo anche su La7. Se pensiamo che la passata stagione Quarto Grado andava sempre oltre i 2 milioni e quest’anno non lo ha fatto mai ci rendiamo conto che c’era un zoccolo duro, zoccolo duro che non è stato riconquistato da Salvo ma perso malamente per strada.

Noi speriamo di rivederlo presto in tv a fare quello che sa fare meglio.

Seguici anche su Instagram

21 responses to “Il martedì senza Linea Gialla e La7 senza Salvo Sottile: doveva finire davvero così?

  1. Acuta analisi della vicenda. Con molta probabilità’ il Sig. Cairo gli e’ mancato la volontà’ di guardare a lungo termine e dare la possibilità’ a Salvo Sottile e a tutto lo staff di completare questo percorso (fino a giugno). Peccato averlo sospeso.

  2. Io nn capisco però perchè lasciare rete4 per andare… a la7. Nn mi sembra un gran passo avanti a livello professionale. Quarto Grado era molto bello, cambiando conduttore è rimasto bello anche se con Salvo aveva qualcosina in più. Linea Gialla nn ha convinto fin dall’inizio nonostante che per me Salvo sia molto molto bravo come conduttore e giornalista, però da solo nn basta.

  3. Forse Salvo con i suoi servizi ha pestato i piedi a categorie molto potenti, e lo hanno segato.
    Onore a Salvo che ha avuto il coraggio di far vedere le cose come stanno !

  4. Complimenti per l’articolo, mi trovo pienamente d’accordo! In quanto al problema del segnale de La7 posso confermare di avere difficoltà nella recezione,e questo penalizza eccome! A me Salvo piace moltissimo come giornalista, lo seguivo fin dai tempi del tg5, è sempre chiaro e molto garbato, non mi piace che sia finita così per lui, qualsiasi cosa intraprenda secondo me, riesce sempre a dare il meglio. Dovevano lasciarlo anche con quei dati di ascolto!

  5. Sono una dona straniera vengo da Croatia aspeto con tanta gioja Salvo e Linea giala ma perche ciuso una vergogna dobjamo parlare per tuti poveri scomparsi se non se parla come non suceso vergogna

  6. Credo che al di là dello share Linea Gialla era ben condotta da Salvo Sottile, spero che l’editore Cairo ci ripensa e rimette il programma. Personalmente Linea Gialla lo consideravo più un servizio pubblico e come tale poteva essere trasmesso fino a fine stagione. Ora mi auguro per Salvo che al più presto lo rivedremo in qualche altro programma, sarebbe interessante rivederlo a ricondurre Quarto Grado, con Lui la trasmissione era altra cosa . . .

  7. Io con tutto il rispetto credo che siate troppo fan di Salvo Sottile. Il suo quarto grado era stata una bella intuizione, però non è ancora Bruno Vespa o Maurizio Costanzo e nemmeno Aldo Biscardi. Non “sposta” il pubblico col suo nome, non è Fazio. La gente apprezzava quarto grado con Sottile, ora lo guarda con un altro conduttore (seppur in discreto calo). Il problema di cambiare canale e guardare Sottile su La 7 non se l’è posto quasi nessuno perché probabilmente Mediaset ha sopperito benino all’addio di Sottile.

    Se i numeri non arrivano è per questo, anche se la trasmissione a me non dispiaceva. E’ vero che Sottile ha tante fan sfegatate, ma non è e non sarà mai Fazio nello spostare telespettatori

  8. era l’unico programma interessante della 7 …e uno dei conduttori migliori secondo un mio parere…..avete fatto una grossa cagata a levarlo!!!!!!!!!!

  9. mi dispiace moltissimo penso che SALVO SOTTILE e’ un grande e merita di piu’ ,peccato dovevi rimanere quarto grado meriti di piu’.spero di rivederti al piu’ presto .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.