Simona Ventura accusata di essere una drogata: la confessione a L’Intervista

Si è parlato davvero di tutto nella puntata de L’Intervista in onda il 10 novembre 2016 dedicata a Simona Ventura. Un lungo appuntamento con Costanzo e Simona che si sono lasciati andare in confessioni, domande importanti e racconti. La conduttrice non ha mai interrotto la narrazione e ha sempre scelto di confrontarsi con le domande a lei fatte anche quando gli argomenti si sono fatti pesanti come nel caso delle accuse pesanti che in passato ha ricevuto. La Ventura si è dovuta difendere da chi aveva messo in giro delle voci molto spiacevoli. “Io non voglio dire di essere perseguitata ma in questo caso erano solo delle voci messe in giro, dicevano che facevo uso di droga che ero una cocainomane.” Queste le parole della conduttrice che ha raccontato in tv anche questa spiacevole pagina della sua vita.

MARA VENIER E SIMONA VENTURA DI NUOVO NEMICHE PER COLPA DI MARIA-LEGGI QUI

C’è stato un momento che questa cosa è venuta fuori per prendermi i figli io penso che sia stato per questo motivo, era la sola cosa che potevano fare. Era il mio tallone d’Achille. Per tanti anni ho fatto l’analisi del capello per evitare questa tegola, per dimostrare che non avrei mai fatto uso di droga. Se una ha una conduzione più euforica deve essere per forza su di giri, era questo il motivo per il quale pensavano tutti che mi facessi. Ho sempre avuto gran paura delle droghe, le ho sempre evitate. Potevo caderne per tutta la vita.

Queste le parole della conduttrice. Ovviamente Costanzo, prendendo spunto dalle sue parole le chiede se la persona che aveva messo in giro questa voce era Stefano, visto che poteva essere il solo ad aver un “giovamento” ( visto che si parla della custodia dei suoi figli). Ma la conduttrice dice che non pensa che fosse stato all’epoca il suo ex. E anche questa è un’altra triste storia…

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.