Victoria Pennington ancora contro Pasquale Laricchia da Live: ha provato a denunciarlo ma non è servito


Dopo la sua nuova avventura nella casa del Grande Fratello VIP, Pasquale Laricchia è finito sulle pagine delle riviste e dei giornali per altri motivi. La sua ex Victoria Pennington infatti è tornata ad attaccarlo puntando nuovamente il dito contro di lui approfittando di questo momento di visibilità del pugliese. Pasquale, sia da Live-Non è la d’Urso che da Domenica Live, si è difeso, dicendo di non aver mai fatto del male a Victoria e di aver tutte le prove per dimostrarlo. La sua ex ha voluto però rilasciare delle nuove dichiarazioni e dalla puntata di Live in onda ieri 16 febbraio 2020, sono arrivate delle nuove accuse verso il personal trainer.

VICTORIA CONTRO PASQUALE: NUOVE ACCUSE DA LIVE

Mi fa un po’ ridere sentir parlare di soldi. Io quando l’ho lasciato ho deciso di vivere piuttosto che rimanere in una situazione molto violenta. Se rimanevo con lui potevo rischiare di perdere la vita. L’ultima volta che mi ha colpito in testa ha iniziato a correre dietro di me, io stavo andando in camera da letta per mettere un cuscino in testa per proteggermi. Lui mi dava un pugno dopo l’altro e io ho smesso di respirare. La prossima volta magari mi uccideva” ha spiegato Victoria in un collegamento con Live-Non è la d’Urso.

Barbara D’Urso a questo punto le chiede come mai all’epoca non deciso di mettere tutto nero su bianco e di denunciare Pasquale: “Ero dentro la stazione della polizia a Bari e loro hanno chiamato Pasquale per farmi venire a prendere. Dopo questo sono mai andata di nuovo alla polizia? Avevo paura. Ero in Italia senza famiglia, senza amici, senza nessuno. Pasquale era l’unico contatto. Quando sono andata dalla polizia hanno chiamato lui”. Questa la spiegazione della Pennington che quindi dice di averci provato ma di non esser stata creduta anche perchè era da sola in Italia.

Leggi altri articoli di Bellezze VIP

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close