Belen prepara la pasta al sugo e i suoi errori fanno sorridere ma a Stefano piace (Foto)

Tantissimi i vip che ci fanno compagnia sui social e Belen Rodriguez ha pensato di mettersi ai fornelli per tutti (foto). Belen, Stefano e Santiago, tutti e tre in casa come tutti durante l’emergenza sanitaria e mentre De Martino segue con attenzione Miseria e Nobiltà in tv la splendida showgirl argentina cucina mostrando storia dopo storia su Instagram la sua personalissima ricetta. Pasta al sugo con le zucchine ma per noi italiani gli errori sono vari, il risultato però è ottimo, piace al ballerino che è napoletano e di ragù ne avrà mangiati tanti. Si parte dagli ingredienti con marche ben in vista, c’è tutto. Tanta cipolla, ben due cipolle per il soffritto, quasi quante le doppie che Belen mette ovunque. Aglio a cui toglie l’anima perché così risulta più leggero e qui c’è il primo errore, sia aglio che cipolla ci sembra davvero troppo. Ci sorprende la Rodriguez per la quantità di olio che versa in padella ma notiamo che aggiunge quello che chiama “brodo gelatinoso” e qui Cannavacciuolo potrebbe sentirsi male.

BELEN RODRIGUEZ CUCINA PER STEFANO E SANTIAGO

Un po’ di concentrato di pomodoro che fa sempre bene e poi le zucchine a fettine e poi tagliate a metà, queste non le fa soffriggere, altro errore, saranno troppo morbide alla fine. Arriva l’errore più grande: Belen mette in pentola acqua e sale grosso senza attendere il bollore. Ci chiediamo perché Stefano De Martino non l’aiuti? Questo però è il sugo di Belen e giustamente lo fa a modo suo. Passata di pomodoro, pomodorini interi e poi alza la fiamma, si deve asciugare. Ma no Belen, deve cuocere!

 

Attenzione perché arriva il momento del cucchiaio di zucchero e di altro olio! Non sarà troppo? Per lei no perché aggiunge anche un po’ di burro! Mescola e rimescola, cuoce i paccheri, scola e li condisce a modo suo, a strati per poi mescolare, quindi si mangia e se volete mettete anche un po’ di formaggio grattugiato. Voi come lo fate il vostro sugo?

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.