Che pancione Paola Turani che aggiorna sull’ultima ecografia in attesa del parto

Paola Turani con il suo gran pancione è sempre bellissima ma la trasformazione in alcune foto la rende quasi irriconoscibile. Sono i chili più belli che la Turani potesse prendere, si sta godendo tutto di questo periodo perfetto in attesa del parto. Dopo le vacanze sono tornati in montagna alla ricerca del fresco. 10° C e copertina, Paola Turani ha chiuso nel cassetto i suoi bikini e si rilassa godendo del panorama e di quell’aria frizzantina che la mancavano tanto. La modella e influencer è all’ottavo mese di gravidanza, il conto alla rovescia sta per iniziare mentre conta le 34 settimane più di 2 giorni. Non manca molto alla nascita del suo primo figlio, non ha ancora rivelato il nome scelto per il bebè però continua ad aggiornare i suoi follower su ecografie e dettagli.

PAOLA TURANI NON E’ MAI STATA COSI’ FELICE

“Siamo già alla 34esima settimana + 2! Piccolo aggiornamento dopo l’ecografia di ieri: possiamo soprannominarlo “Serpellino coscia lunga” dovrebbe essere già sui 48 cm di lunghezza, ha un femore di tutto rispetto. Mi sa che devo puntare subito sui body 3 mesi eheh! Lui sta bene e noi sempre più felici”. I primi mesi della gravidanza non è stata benissimo con le nausee continue ma da un bel po’ non va che soddisfare le sue voglie.

Adora la spremuta fresca di pompelmo, la beve ogni mattina. Racconta che l’ha sempre senza alcun problema di acidità di stomaco. Ne parla come sempre con le sua fan e ammette che ha lo stomaco di ferro visto che la beve a digiuno. “Non l’ho bevuta durante i primi mesi di gravidanza perché stavo male e con le nausee ho dovuto togliere tanti cibi… ho ricominciato a  berla al settimo mese! Ora tutto ok e anzi me la gusto ancora di più”. Non tutte le gravidanze sono uguali, continua a ripetere a chi le invia sempre consigli.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.