Belen Rodriguez sui social: “Non mi piace dare brutte notizie ma…”

Come sta Belen Rodriguez? La conduttrice lo spiega su Instagram
belen rodriguez

L’abbiamo vista tifare Argentina insieme a tutta la famiglia, l’abbiamo vista martedì scorso in tv a Le Iene dopo dei giorni passati a combattere contro l’influenza. Belen Rodriguez sembrava essere guarita ed è così ma non è stato facile come ha raccontato la conduttrice ieri sera nelle sue storie sui social. Su instagram infatti ha spiegato che non le piace mai parlare di cose spiacevoli, non le piace mai dare brutte notizie ma vuole condividere con chi la segue, quello che è successo nella sua vita di recente, visto che è stata anche poco attiva sui social. La Rodriguez spiega di esser stata realmente ko a causa della brutta influenza che circola in queste settimane in Italia. Racconta che è stata anche un po’ testarda, no avendo voluto prendere subito l’antibiotico ( lo aveva già preso qualche settimana prima per delle cure dentistiche e ha preferito evitare).

Lo sfogo di Belen sui social dopo la guarigione della piccola Luna Marì

Belen racconta ai follower come ha affrontato l’influenza

La Rodriguez spiega che pensava che la tosse le sarebbe passata subito ma invece, è stata parecchio male. Una settimana quasi sempre a letto. “Mi sono presa questa bella variante australiana e fino a quando due giorni fa non ho preso l’antibiotico non mi sono alzata dal divano” racconta l’argentina. “Adesso devo dire che sto un pochino meglio anche perchè martedì scorso ho dato tutto quello che avevo nell’ultima puntata de Le Iene” spiega Belen che giustifica anche la sua assenza sui social in un periodo in cui chi la segue si aspettava magari anche qualche consiglio o qualche dritta per gli acquisti di Natale! “Per andare in onda mi sono presa una bella bustina di vitamine e ce l’ho fatta, sono contenta di esserci stata” ha detto Belen che sta tornando pian piano in forma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.