Francesca Fioretti racconta cosa ha sognato dopo la morte di Davide: chi soffre si aggrappa anche a questo (Foto)

fioretti

Francesca Fioretti ha concesso la sua prima intervista dopo la morte di Davide Astori. Al Corriere risposte e racconti che emozionano parola dopo parola e che lasciano immaginare il dolore che sta affrontando (foto). Davide, Francesca e Vittoria erano meravigliosi insieme, non desideravano altro e oggi l’unica certezza della Fioretti è di avere reso felice il papà di sua figlia. Ha reagito subito, l’ha fatto per sua figlia ed è per lei se si aggrappa anche a un sogno. Al giornalista confida quasi con imbarazzo che “chi soffre si aggrappa anche ai sogni” e ce n’è uno che l’ha emozionata. Davide Astori e Francesca Fioretti hanno vissuto con la loro bambina a Firenze, lui era il capitano che squadra e tifosi non potranno mai dimenticare. Quando si sono conosciuti e innamorati giocava invece nel Cagliari e nel sogno di Francesca è lì che abitavano, in una casa dalla quale si vedevano i fenicotteri rosa. Ha sognato che li mostrava a una sua amica.

FRANCESCA FIORETTI PARLA PER LA PRIMA VOLTA DOPO LA MORTE DI DAVIDE ASTORI – ANCHE IN UN SOGNO TROVA LA FORZA DI VIVERE

“Erano belli, rassicuranti, maestosi e leggeri. Ho letto che per la religione induista è l’animale che simboleggia la transizione tra la vita e la morte racconta aggiungendo cosa le è successo poi quando ha iniziato a cercare casa a Milano.

Ha visto tantissimi appartamenti, desiderava trovare quello giusto per la piccola: “Poi finalmente è apparso, come un miraggio. Era quello perfetto. Ma sembrava fosse impossibile affittarlo. Per una serie di coincidenze, compreso il proprietario fiorentino, ce l’ho fatta. Il giorno che ho firmato l’accordo, la signora che si era occupata della trattativa, per festeggiare, ha detto a Vittoria: “Vieni, guarda cosa ti faccio vedere…” C’era un laghetto, con una distesa di fenicotteri rosa. Fenicotteri a Milano”. 

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.