Downton Abbey arriva su Rete 4 pubblicizzata dai vip

Forse in casa Mediaset si sono resi conto di aver sbagliato lo scorso anno con la prima stagione di Dowton Abbey? Forse si sono resi conto che questa stagione potrebbe essere pubblicizzata e valorizzata meglio? Bene diamo atto: lo hanno fatto, e vedremo se potrà a servire qualcosa il fatto che uno come Salvo Sottile abbia detto che anche lui seguirà la seconda stagione di Dowton Abbey che parte questa sera su Rete 4 ovviamente in prima visione. La serie tv ha spopolato in Gran Bretagna portandosi a casa una valanga di premi. Ricordiamo invece che l’anno scorso Rete 4 dopo averla mandata in onda in prima serata per pochi appuntamenti aveva deciso di passare alla seconda serata non convinta degli ascolti. Una nuova stagione, un nuovo inizio? Se la guarda anche Del Debbio…

Downton Abbey anticipazioni: la trama della seconda stagione

Se nella prima serie tutto era iniziato con un fatto storico realmente accaduto, l’affondamento del Titanic, anche la seconda inizia da una vicenda ancor più drammatica. La prima guerra mondiale. Precisamente sarà un biennio protagonista della serie: dal 1916 al 1918.  Si partirà proprio da una cena di beneficenza a Downton Abbey per raccogliere fondi per i ragazzi che combattono al fronte. Alcuni dei protagonisti che abbiamo conosciuto nella prima serie stanno infatti combattendo in guerra per la loro patria.

Protagonisti come sempre i nobili della famiglia Graham ma non solo. La servitù con le storie comuni sarà anche in questa seconda serie al centro della scena. E poi come sempre amori, tradimenti e intrighi che hanno fatto di questa serie una delle più apprezzate degli ultimi anni, e se si sono appassionati anche gli americani!

Vi ricordiamo che si parte questa sera con la prima puntata: ore 21,20 su Rete 4.

Seguici anche su Instagram

One response to “Downton Abbey arriva su Rete 4 pubblicizzata dai vip

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.