I soliti Idioti, la Costa Concordia e il dai…


E’ andata in onda ieri la prima puntata de Le invasioni Barbariche, il programma di La7 condotto da Daria Bignardi. Vi avevamo detto che tra gli ospiti ci sarebbe stato il duo “I soliti Idioti” e infatti così è stato. Se siamo qui a commentare il giorno dopo un motivo ci sarà. Dovete sapere, se non avete visto la puntata, che Daria Bignardi ha parlato con loro dell’argomento del momento: la telefonata tra Schettino e il capitano De Falco. La conduttrice trova un’analogia tra la frase diventata tormentone del comandante della capitaneria di Porto e un modo di dire che invece è tipico delle loro gag. Dopo questo paragone della Bignardi scoppia la polemica e le critiche non mancano: qualcuno parla di momento di televisione bassissimo. A noi non ci è sembrato proprio. Non ci siamo scandalizzati quando sono uscite le maglie con la scritta “salga a bordo cazzo” ma soprattutto se non ci vergogniamo a sentirla quella telefonata per il contenuto perchè meravigliarci di un simpatico paragone?

Non ho ancora ben spiegato cosa è successo. All’inizio dell’intervista la Bignardi domanda al duo comico se secondo loro De Falco si è ispirato a loro con il suo “cazzo salga a bordo”. Sappiamo tutti che I soliti idioti sono conosciuti anche per il loro “dai cazzo…Gianluca…” e ridendo dicono che probabilmente hanno dato l’ispirazione.

Cosa ci sia di così scandaloso noi sinceramente non o abbiamo ben capito. Scandalosa è quella telefonata che siamo costretti ad ascoltare migliaia di volte e che ogni volta ci fa vergognare di essere italiani. Questa è la mia impressione, la nostra impressione.

 


Ultime Notizie Flash su Instagram

Leggi altri articoli di Programmi TV

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close