Il ricordo di Beppe Fiorello, ha salvato la vita a un uomo: “Non mi sento un eroe”

Una lunga e intensa intervista quella di Beppe Fiorello a Oggi è un altro giorno e quando è arrivata la domanda su un ricordo che non ha mai raccontato ha pensato a quando ha salvato la vita a un uomo. E’ successo tre anni fa, Beppe Fiorello era in spiaggia con un amico, c’erano pochissime persone intorno, era ora di pranzo e tutti erano andati a mangiare al ristorante poco distante. Chiacchierava con il suo amico e all’improvviso ha visto il suo sguardo terrorizzato. Si è girato verso il mare e c’era un uomo che galleggiava con il volto nell’acqua, accanto un bambino piccolo che giocava, convinto che il suo papà stesse scherzando. Si sono precipitati in mare.

BEPPE FIORELLO A OGGI E’ UN ALTRO GIORNO

L’uomo aveva fatto una capriola e aveva battuto la testa sul fondo, era immobile: “L’abbiamo voltato e tirato su e per fortuna il mio amico parlava la sua lingua, era tedesco. Era un medico e ha detto di tenergli la testa ferma e di insabbiargli il collo perché temeva di avere rotto l’osso del collo. L’abbiamo sostenuto per ore prima dell’arrivo dell’elicottero e forse ho partecipato al salvataggio di una persona ma non mi sento un eroe per questo, ma mi ha chiesto un ricordo particolare”.

Quell’uomo è poi tornato su quella stessa spiaggia e ha chiesto delle persone che lo avevano salvato ma non si sono incontrati, Beppe quell’estate non era lì. Grazie a Fiorello e al suo amico non solo è in vita ma non ha riportato nemmeno danni, non si era spezzato l’osso del collo, era grave ma non così tanto. Chissà, magari potrebbe essere la trama di una nuova fiction. Intanto, stasera seguiremo Beppe Fiorello nella secondo parte de Gli orologi del diavolo, un altro enorme successo per l’attore.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.