Rosanna Lambertucci: la morte della figlia e l’errore di avere lasciato il marito (Foto)

Non è la prima volta che Rosanna Lambertucci racconta della morte di sua figlia Elisa, della malattia del marito, della loro separazione, ma a Oggi è un altro giorno continua a mostrare quel dolore (Foto). Sono passati tanti anni e nonostante il sorriso Rosanna Lambertucci si emoziona quando ricorda la figlia che è morta quando aveva solo 3 giorni. E’ la bimba nata prima della sua unica figlia, Angelica, un dolore che si aggiunge ai tanti aborti, cinque. Ha già spiegato in altri programmi cosa è accaduto nella sua vita, da giovanissima, spesso ha rischiato la vita. Le immagini di sua figlia Angelica e sua nipote Caterina che mostrano l’albero di Natale appena fatto sono la sorpresa più grande per lei, svelano un amore immenso. A Serena Bortone e al pubblico di Oggi è un altro giorno ricorda gli esordi in tv con Più sani e più belli a cui deve la vita: “Dal punto di vista del carattere e della salute”. 

ROSANNA LAMBERTUCCI E L’AMORE PER ALBERTO AMODEI

Ricorda la morte del padre: “L’idea che all’improvviso una persona che tu ami tanto la perdi è qualcosa di… il mai più… una separazione non è peggio di una perdita, si soffre” è emozionata mentre parla della sua vita, non completa le frasi, fanno male, così come le ha fatto male sentire le parole di suo marito poco prima della morte.

Alberto Amodei l’ha tradita più volte e lei ha cercato di far finta di niente ma l’ha lasciato. La vita l’ha poi chiamata a occuparsi di lui che aveva avuto un malore, un’emorragia cerebrale. Gli ha salvato la vita e dopo l’operazione l’ha portato a casa sua e l’ha accudito. E’ stato un periodo molto difficile ma confessa allo stesso tempo meraviglioso.

Ricorda le sue parole, saranno per sempre impresse nella sua mente: “Non ti ho mai tradito”. Ha sofferto molto perché solo in quel momento ha compreso che forse aveva fatto un errore, perché lei era l’unica donna, l’unica moglie e compagna. Alla fine però sa che quei tradimenti anche se solo fisici non li perdonerebbe nemmeno se avesse una seconda possibilità, se potesse tornare indietro rifarebbe le stesse cose: “Forse quando vogliamo bene il possesso c’è o forse è la nostra cultura”.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.