Gilles Rocca negativo ma a Storie Italiane si solleva il problema dei 21 giorni (Foto)

E’ uscito da un brutto incubo Gilles Rocca, il suo tampone è negativo e a Storie Italiane confida la sua gioia, il virus l’ha messo in ginocchio ma adesso sta bene e può anche uscire di casa senza alcuna preoccupazione (foto). Nella precedente puntata di Storie Italiane ha parlato per la prima volta del contagiato avvenuto nonostante tutte le precauzioni. E’ stato malissimo il vincitore di Ballando con le Stelle, ha sconfitto il covid e ripete a tutti che non avrebbe mai immaginato di stare così male. In collegamento anche il virologo Broccolo che ascoltando Gilles solleva un problema evidente, un dubbio che bisogna risolvere. 

GILLES ROCCA STA BENE PUO’ USCIRE

Ci sono persone che rimangono positive per tre mesi, a Gilles Rocca è andata bene ma in ogni caso dopo gli ormai noti 21 giorni dal primo tampone positivo non avrebbe avuto problemi ad incontrare altre persone. Studi dimostrano che dopo 21 giorni si è poco contagiosi ma generalizzare è sempre sbagliato, la carica virale va controllata, a Storie Italiane si solleva un problema che è preoccupante. Non riguarda Gilles Rocca ma gli altri come si comportano? E’ una decisione degli esperti e di chi detta regole per tutti ma in collegamento con Storie Italiane c’è il dottor Francesco Broccolo che a chiare lettere ripete più volte che lui non è d’accordo con l’Organizzazione mondiale della sanità. Si tratta di un compromesso? Questa è la considerazione che salta fuori nello studio.

Per larga parte nella maggior parte dei casi dopo 21 giorni non si ha una carica virale pericolosa e per questo si è scelta questa regola. “Una regola che c’è da marzo dell’anno scorso”, commenta Fiordaliso. E’ ciò che dissero a sua sorella, che si poteva uscire dopo 15 giorni dalla positività. Era il periodo in cui era difficile trovare i tamponi. Sono le parole di Fiordaliso, in studio e in collegamento gli ospiti di Eleonora Daniele non sono d’accordo, a loro non risulta. C’è da chiarire questo dubbio. 

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.