La scelta di Maria stasera su Rai 1: il milite ignoto simbolo di tutti i soldati morti per la patria

la scelta di maria rai 1

E’ il 4 novembre, una data fondamentale per la nostra Italia e Rai 1 celebra questo giorno, con un film storico in onda in prima serata. Cento anni dopo quella tumulazione all’Altare della Patria – giovedì 4 novembre in prima serata Rai1 propone il docufilm diretto da Francesco Micchichè “La scelta di Maria”, interpretato da Sonia Bergamasco nel ruolo della “madre d’Italia”, Maria. Attraverso le interpretazioni della Bergamasco, di Cesare Bocci, nel ruolo del Ministro della
Guerra Luigi Gasparotto, e di Alessio Vassallo nei panni del tenente Augusto Tognasso, il docufilm ripercorre la vicenda politica, sociale e umana dietro la nascita del Milite Ignoto. Ne abbiamo sentito spesso parlare nei documentari storici, nei programmi di approfondimento ma questa volta, alcuni dei più amati attori italiani, ci portano indietro nel tempo, raccontandoci una pagina della nostra storia.

Integrando il racconto con preziosi repertori d’epoca, animazioni originali e una serie di “interviste ricostruite” ai
protagonisti della storia, “La scelta di Maria” vuole offrire alle nuove generazioni un ritratto umano e profondo di chi ha vissuto in prima persona una vicenda storica senza precedenti e rappresentare gli stati d’animo e le emozioni di un intero Paese, profondamente scosso dalla distruzione e dallo smarrimento generati dalla Grande Guerra.

Diretto da Francesco Miccichè e prodotto da Gloria Giorgianni “La scelta di Maria” è una produzione Anele in collaborazione con Rai Cinema, con il patrocinio del Ministero della Difesa in co-produzione con Istituto Luce-Cinecittà e con Tenderstories, con il contributo di Fondazione Aquileia, Regione Friuli Venezi Giulia, Promoturismo FVG e il sostegno di Intesa San Paolo e Comune di Aquileia.

100 anni dopo la storia del Milite Ignoto su Rai 1 con il docu film La scelta di Maria

Tutto è iniziato 100 anni fa. A Roma, il 4 novembre del 1921: dopo un lungo viaggio in treno, diventato l’abbraccio dell’intero Paese, i resti di un ignoto soldato caduto nella Grande Guerra, vengono sepolti al Vittoriano a Roma, durante una cerimonia pubblica. A scegliere la salma tra le undici che rappresentano i caduti sui diversi fronti di guerra dell’Italia, è stata chiamata una donna, Maria Bergamas, madre di Antonio, giovane tenente morto sul campo di battaglia e mai ritrovato. Una settimana prima, il 28 ottobre, durante una straziante celebrazione nella basilica di Aquileia, viene chiesto a lei, a Maria, a nome di tutte le madri, di scegliere quale corpo tra gli undici seppellire all’altare della Patria a Roma, come simbolo di tutti i giovani caduti a cui non era stato possibile dare un nome. Diventerà il Milite Ignoto.

La scelta di Maria stasera su Rai 1: la trama del film

La narrazione ripercorre il toccante momento in cui Maria Bergamas, una contadina alla quale è rimasta solo una lettera del figlio Antonio, viene scelta come “madre d’Italia”. E’ lei, nella cattedrale di Aquileia, a inginocchiarsi e scegliere la decima bara. Poi, il viaggio del corpo in treno verso Roma, 120 soste in 4 giorni, con Maria Bergamas e il tenente Tognasso testimoni di uno spettacolo unico: folle di persone si inchinano, lanciano fiori e pregano. Il racconto si chiude a Roma, dove il convoglio viene accolto dal “Re soldato” Vittorio Emanuele III, mentre nello stesso istante, le
città di tutta Italia, si uniscono in un lungo e silenzioso momento di cordoglio, voluto dal Ministro Gasparotto, scandito solo dai pianti delle madri, dai rintocchi delle campane e da ventun colpi di cannone.


Il Milite Ignoto viene tumulato all’Altare della Patria, dove ancora è vegliato senza sosta dai militari di tutte le armi, che a turno rendono onore al soldato senza identità. Prima di morire nel 1953, Maria Bergamas chiederà di essere sepolta dietro la cattedrale di Aquileia, a fianco delle altre dieci tombe dei soldati ignoti che non aveva scelto.

Seguici anche su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.