Dalla Svezia arriva il nuovo metodo “etico” staminale che avvalendosi di una sola cellula (su 8), non distruggerebbe nessun embrione umano. Possibile rivoluzione nel campo genetico-scientifico