Come fare il lievito madre senza glutine

La pasta madre, detta anche lievito naturale, serva a fare impasti senza l’aggiunta di lieviti chimici. Il risultato quindi ha il grande vantaggio di essere estremamente digeribile a tutti. La ricetta senza glutine viene inoltre incontro alle esigenze dei celiaci, che sono sempre più numerosi. In questo modo anche chi ha questa intolleranza alimentare può concedersi il gusto di una pizza, a patto di usare anche farina di riso e di mais (100 grammi).

LA DIETA SENZA GLUTINE PUO’ SERVIRE A DIMAGRIRE?

Ecco gli ingredienti e il procedimento da seguire per fare in casa il lievito madre. Regola primaria è che il prodotto di partenza sia di ottima qualità, ovvero proveniente da agricoltura biologica; nell’impasto va aggiunto anche un cucchiaino di miele. Il tutto si mescola poi con 100 grammi circa di acqua. Una volta ottenuto l’impasto occorre trasferirlo in una ciotola sufficientemente capiente in vetro. Il recipiente va tenuto coperto con un panno sottile e chiuso con un elastico. La pasta madre deve fermentare per circa 48 ore. A questo punto si possono vedere sulla superficie delle bolle. Significa che è ora di procedere ad un nuovo impasto: si aggiungono quindi altri 100 grammi di farina e altrettanti di acqua e s rigenera il tutto. Di fatto è già pronta a questo punto ma tenete presente che la forza lievitante massima del prodotto si ottiene dopo circa un mese di conservazione dal momento in cui viene creata. Nel caso in cui si nota che inizia a perdere forza durante il rinfresco si può aggiungere un cucchiaino di miele o di zucchero per smorzare l’acidità. Dalla pasta madre così ottenuta si possono ottenere pasta, pizza, cornetti, grissini e tante altre leccornie fatte in casa sia dolci che salate. Da questo primo impasto potete ottenerne altri da regalare ad amici che dovranno solo rigenerarla.

COME ESSERE SICURI CHE UN PIATTO NON CONTENGA GLUTINE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.