Otto valide alternative al sale in cucina: ecco quali sono


Quando si parla di perdere peso, di corretta alimentazione e di salute i nutrizionisti consigliano sempre di ridurre la quantità di sale dalla dieta. Per la nostra salute ed il nostro benessere è preferibile utilizzare il sale con molta cautela cercando di prestare attenzione non solo quello con cui con le nostre mani andiamo a utilizzare per condire i piatti ma anche e soprattutto a quello nascosto in tantissimi alimenti. Il sale è però un elemento molto importante per il nostro organismo pur essendo spesso associato all’ipertensione, alla cattiva circolazione e alla tanto odiata cellulite.

COME FARE IL BUCATO IN ESTATE: CONSIGLI UTILI PER TUTTI
Ma è possibile ridurre il consumo di sale senza però rinunciare al gusto? Certamente sì ed esistono ben 8 valide alternative al sale.

Le erbe aromatiche. Prezzemolo, alloro, timo, origano, basilico sono solo alcuni tra gli aromi che possono dare ai nostri piatti un gusto e un sapore unico ed inconfondibile. Non essendo calorici sicuramente sono più salutari del sale.
Le spezie. Esotiche o no sono perfette per dare consistenza a tantissimi cibi. Ricche di vitamine e Sali minerali sono ideali per ridurre la quantità di sale usato in cucina.
• Cipolla e aglio. Tante proprietà benefiche per aglio e cipolla ma per qualcuno sono un po’ indigesti, Meglio consumarli crudi, aggiungendoli ad esempio nelle insalate o utilizzandoli per marinare carni e pesce. La cipolla è nemica dell’ipertensione mentre l’aglio è considerato da sempre un ottimo antibiotico naturale
• Le alghe. Essiccate, fresche, sottoaceto, le alghe sono una valida alternativa al sale. Ricche di proteine, iodio, ferro e ferro sono anche considerate delle medicine naturali.
• Il gomasio. Fatto di semi di sedamo tostato e sale marino in un rapporto 6 a 1, il gomasio è un ottimo insaporitore della cucina asiatica. Per il contenuto elevato di sesamo, il gomasio viene utilizzato nelle cotture a temperature non troppo elevate ed esalta i sapori di carni, pesce e zuppe.
• Il lievito alimentare in scaglie. Tipico della cucina vegetariana e vegano questo lievito utilizzato per condire pasta, riso e verdure fornisce anche una quantità notevole di proteine. Ma non bisogna abusarne: mai andare oltre il consumo di 5 cucchiaini al giorno.
• La salsa di soia. Perfetta per marinare carni e pesce, la salsa di soia contiene solo il 13% di sale. Dalla cucina giapponese ormai compare sempre più frequentemente sulle nostre tavole.
• Le salse. Non tutte le salse posseggono proprietà e caratteristiche migliori del sale. Quindi bisogna valutare bene la salsa da scegliere per condire insalate, pasta, carni e pesce. Ad ogni modo si può ottenere salse gustose con yogurt, limone e pepe.


Leggi altri articoli di Casa

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close