Pulire il gazebo al meglio: trucchi e consigli per un giardino al top

come lavare il gazebo

Come si pulisce il gazebo? Chi ha un giardino e un pergolato in tessuto o in plastica spesso e volentieri di pone questa domanda. I metodi possono essere tanti e variare dal tipo di gazebo che si possiede. Per poter usufruire di un bellissimo gazebo la manutenzione è decisamente fondamentale perché lasciandolo fuori è chiaro che è esposto a tanti imprevisti e disagi. Vi è mai capitato di trovarlo sporco dopo una giornata di pioggia? Il vento ha mai portato tanta terra sul vostro gazebo? Per non parlare degli amici piccioni che spesso ci tengono a lasciarci un bel ricordino con la loro infallibile mira. In questo articolo andremo a vedere come si pulisce al meglio un gazebo tra trucchi e consigli.

Come fare per pulire in maniera perfetta il gazebo

Come possiamo pulire in maniera perfetta il nostro gazebo da esterno? Se la struttura è molto alta sicuramente sarà necessario procurarsi una scala, tanto per incominciare. Questo ovviamente vale per i modelli che non si possono richiudere o semplicemente se non avete voglia di smontarlo e rimontarlo nuovamente. Poi ci serviranno: un secchio di acqua tiepida, un detersivo adatto (ma va bene anche quello per i piatti!), una scopa, una spazzola per pulizie e un panno morbido in microfibra. Trovato tutto l’occorrente si passa poi ai fatti. Si parte con la scopa e l’acqua per togliere il superficiale per poi aggiungere un po’ di detersivo se lo sporco non va via passando un panno. Dopo è bene lasciarlo ad asciugare. Se la struttura ha una copertura in tessuto e si può smontare potete optare anche per il lavaggio in lavatrice. In questi casi è bene stare attenti e leggere il manuale del gazebo per non fare dei danni al tessuto in fase di lavaggio oppure potete farlo semplicemente a mano proprio utilizzando l’acqua e un po’ di sapone indicato.

I consigli migliori per pulire il gazebo

Dopo aver pulito bene la copertura sarà il momento di passare alla struttura che può essere in diversi materiali come la plastica, il legno, il metallo e così via. Il metallo è il più complicato da gestire in fase di pulizia perché se utilizziamo l’acqua rischiamo di far arrugginire la struttura. Proprio per questo motivo bisogna utilizzare un prodotto antiruggine. Per gli altri materiali, invece, è molto più semplice. Con una spazzola basterà andare a spazzolare, appunto. Occhio però al legno che esposto al sole avrà bisogno di maggiori cure.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.