Come tagliare il cibo per i bambini ed evitare il rischio soffocamento

Come tagliare il cibo per i bambini e evitare il rischio soffocamento

Come tagliare il cibo per i bambini e evitare così il rischio di soffocamento? La questione è molto importante perché purtroppo, a oggi, i dati diffusi dal Ministero della Salute parlano chiaro: oltre il 70% degli incidenti che riguardano i bambini sotto i tre anni avviene a tavola. Il soffocamento è purtroppo lo spauracchio principale: quando i piccoli mangiano, dunque, occorre sempre fare attenzione a tagliare nel modo corretto i vari cibi.

Mozzarella, frutta, verdura e würstel sono potenzialmente pericolosi se non tagliati nel modo giusto. Questo perché alcuni bocconi, magari troppo grossi, possono risultare difficili da buttare giù per i bambini che possono rischiare di soffocare. Qualche consiglio può dunque rivalersi utile per scongiurare il rischio di soffocamento che, come già sottolineato, è purtroppo molto frequente.

Come tagliare il cibo per i bambini

Il consiglio generale è quello di tagliare sempre i vari alimenti in pezzettini minuscoli, evitando quindi bocconi troppo grandi che potrebbero rendere difficile la deglutizione nei bambini. Particolare attenzione va riservata agli alimenti che, per la loro consistenza, potrebbero rivelarsi molto pericolosi. Ci riferiamo agli alimenti gommosi e lisci che i bimbi potrebbero buttare giù interi rischiando così di soffocare.

Se volete che i vostri bimbi mangino uva, pomodori, mozzarella, il consiglio è dunque quello di tagliare tutti questi cibia dadini piccolissimi in modo da rendere la deglutizione più facile. Nel caso dell’uva, gli acini vanno per esempio divisi in 4 togliendo ovviamente i semi che potrebbero andare di traverso. In caso di bimbi molto piccoli, meglio anche togliere la buccia in modo da rendere la deglutizione ancora meno rischiosa. Le carote non vanno mai tagliate a rondelle perché queste potrebbero erroneamente essere deglutite per intero. Il consiglio, in questi casi, è tagliare per la lunghezza, quindi a metà, e provvedere poi a tagliuzzare tanti piccoli dadini. 

Lo stesso discorso vale per i würstel che sono lisci e proprio per questo motivo potrebbero essere ingoiati per intero se tagliati a rotelline. Tagliateli quindi per lungo e poi a piccoli pezzetti, saranno meno pericolosi se mangiati da bambini.

Pochi consigli possono davvero fare la differenza quando si parla di alimenti da far mangiare ai bambini molto piccoli. Il rischio di soffocamento è purtroppo molto elevato fino ai tre anni di età, meglio dunque cercare, laddove possibile, di ridurre le probabilità di dover affrontare questo problema. Il momento del mangiare riveste particolare importanza, non bisogna mai abbassare la guardia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.