Libri gialli da leggere, Indagine non autorizzata di Lucarelli

Libri gialli da leggere  – Recensioni: Indagine non autorizzata di Lucarelli

Si avvicina l’estate e le tanto acclamate ferie stanno per arrivare, più o meno, per tutti. Che siano indirizzate verso assolate giornate in spiaggia o momenti di relax al fresco montano, un buon libro è certamente un ottimo compagno. Per riempire di mistero le vostre vacanze vi consigliamo Indagine non autorizzata, 268 pagine scritte dal bravo Carlo Lucarelli per Hobby & Work editore. Lo scrittore romagnolo è famoso per aver ambientato moltissime inchieste durante il regime fascista, pensiamo alla serie che vede protagonista il commissario De Luca; la bravura consiste proprio nel saper ricreare gli stati d’animo, le speranze, i sogni che il consenso al partito di Mussolini aveva generato nei cuori. Anche qui, ci troviamo nel 1936, questo elemento non manca e pur tuttavia nonostante i facili entusiasmi c’è chi rimane coi piedi per terra come l’ispettore Marino, intransigente, burbero, preciso non per etichetta fascista ma di carattere. Nell’afosa Riccione anni ’30 un giorno viene rinvenuto un cadavere di donna barbaramente massacrato e lasciato nudo sulla strada, quello di Palmina Tabanelli. Velocemente la polizia di regime e gli inquirenti più alti in grado gettano la colpa su un delinquentello di zona detto “il Biondo”. Ma l’ispettore Marino si accorge che la ricostruzione data scricchiola in più punti, i testimoni languono e non convincono. Ispirato dallo spirito del dovere inizia una indagine non autorizzata che darà fastidio a molti, fino al duce in persona. Una bella storia scritta egregiamente, dosando suspence, thriller, giallo e storia d’Italia. La curiosità di scoprire il colpevole non ci abbandonerà neanche per un secondo.

Gabriele Scardocci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.