Malattie rare: tutti hanno diritto alle cure


Spesso i medici pensano che chi è malato di malattie rare non abbiano gli stessi diritti di tutti gli altri malati visto che per loro nella maggior parte dei casi non c’è nessuna cura. Ci sono più di 130 malattie polmonari rare che colpiscono almeno 1 persona su circa 2000. Essendo malattie molto rare ovviamente la stima degli ammalati è molto approssimativa.

Sono state organizzate molte manifestazioni a favore dei malati rari, infatti lo slogan di queste manifestazioni è stato rari ma uguali proprio per porre l’accento sul fatto che devono essere trattati come tutti gli altri malati. Fortunatamente almeno in Italia le cose ultimamente sono cambiate, infatti vengono considerate le malattie rare come priorità nell’assistenza sanitaria.


Ma non è solo questa la novità che riguarda le malattie rare: sono sorte infatti importantissime novità per quanto riguarda le malattie polmonari rare soprattutto l’ipertensione arteriosa e la fibrosi polmonare. Queste malattie di solito hanno la stessa prospettiva dei tumori con solo pochi anni di vita, ma ora ci sono nuove prospettive terapeutiche per queste malattie.

Ci sono infatti anche nuovi farmaci che danno effettivi benefici ai pazienti che ne sono affetti: per chi ha l’ipertensione arteriosa c’è il tadalafil che da significativi miglioramenti anche alla qualità di vita di chi ne è affetto; per quanto riguarda la fibrosi polmonare invece, in Giappone è già stato messo in commercio un medicinale chiamato pirfenidone, in via di approvazione anche in Europa, se viene prescritto soprattutto nelle fasi iniziali della malattia, può rallentare tutto lo svilupparsi della malattia.
Nuove ricerche e nuove speranze per chi soffre di queste patologie.


Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close