Lutto per Cesare Cremonini, il post struggente e il video con il padre

L'addio di Cesare Cremonini a suo padre, un post lunghissimo e un video mostrano tutto il dolore
cesare Cremonini lutto

E’ morto il papà di Cesare Cremonini, è scomparso il 16 settembre e poco fa il cantante ha postato sul suo profilo Instagram un video e un post struggenti. Giovanni Cremonini aveva 94 anni ma non si è mai troppo grandi per vedere andare via un genitore. Un grave lutto per Cesare che sul suo profilo social dà l’addio con grande dolore al suo papà. Un post lunghissimo in cui esprime tutta la sua stima per ciò che è stato il padre, era medico di base nei primi anni ’50 e lo ha visto aiutare tante persone. L’addio è di Cesare e di suo fratello Vittorio, un vuoto immenso lasciato nel loro cuore. Di recente Cremonini aveva anche raccontato del malore di suo padre, era con lui quando si accorse che era in corso un ictus, lo portò lui in ospedale. L’ultima foto insieme sui social scattata a Natale e adesso restano tutte le foto e i video del passato.

MORTO IL PADRE DI CESARE CREMONINI, L’ADDIO SUI SOCIAL MOSTRA AMORE E DOLORE

“Eri nostro padre, mio e di mio fratello Vittorio, ma anche ‘al dutaur’, il dottore, per tutti gli altri. Scegliesti un angolo del mondo per cominciare. Un posto dove nessuno prima di allora aveva mai visto un medico. E dopo tutta una vita dedicata agli altri, hai visto? Oggi in tantissimi vogliono dirti grazie.” Inizia così il lungo post di Cesare Cremonini. Al posto mio avresti di sicuro smorzato l’emozione con uno dei tuoi proverbi. I tuoi pazienti sono stati i tuoi figli e io sono orgoglioso di essermi sentito pari a loro. Da ogni visita notturna tornavi con un regalo per me e mio fratello, e mi raccontavi chi erano le persone che avevi guarito. Ci hai insegnato così il valore dell’uguaglianza e della gratitudine nel fare parte di una comunità”.

Il padre l’ha sempre sostenuto: “Mi hai visto partire da un pianoforte più alto di me, appoggiato a un muro di casa, dove mi chiedevi di suonare la sera per toglierti la stanchezza, e mi hai visto arrivare dove ho sempre sognato”. Poi conclude con il suo ultimo pensiero e una frase di una sua famosa canzone: “Non smetterò mai di pensarti e cantarti, perché con te il mondo era più bello. Ma se una canzone che stia al posto tuo non c’è, eccola qua. E come se fossi con me. Ciao babbo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.