Arisa mette la parrucca e chiede il silenzio ma la sommergono di complimenti (Foto)


I capelli per Arisa sono un punto di forza ma anche di fragilità, l’abbiamo vista con tanti tagli e anche con colori diversi, con le parrucche e poi con i capelli cortissimi a causa della tricotillomania (foto). Arisa cambia di continuo look, i fan non ci fanno molto caso, badano alla sua voce, alle sue canzoni, ma il disturbo di chi si strappa i capelli non è semplice da superare. Potrebbe essere lo stress a condurre chi soffre di tricotillomania a non smettere di strappare i capelli. La cantante lo fa senza rendersene conto ed è per questo che spesso ha tagliato la sua chioma quasi a zero. Anche durante la quarantena, che ha vissuto da sola, ha tagliato i capelli, molti non hanno capito la sua esigenza ed è per questo che oggi che ha deciso di riprovare a farli crescere indossando di nuovo la parrucca ma chiedendo a tutti di non fiatare.

ARISA BELLISSA CON I CAPELLI LUNGHI, UNA PARRUCCA PER ELIMINARE UN PROBLEMA

Strappare i capelli di continuo significa peggiorare la situazione, quei capelli difficilmente ricrescono e ogni volta ha cercato di dare un taglio a tutto. “Non mi faccio crescere i capelli perché quando li ho lunghi me li stacco” è così che Arisa aveva spiegato la situazione ai fan.

Oggi è apparsa di nuovo sui social con i capelli lunghi, con una parrucca bellissima, con la frangia. Non c’è dubbio che sia bellissima, una lunghezza che le dona e che piace molto anche a lei. “Da oggi indosserò questa parrucca fino a quando non cresceranno i miei capelli. Guai a chi fiata, nella cultura afroamericana quasi tutte le donne indossano parrucche. Anche Naomi Campbell, quindi posso farlo anche io”. Invece i follower hanno fiatato ma solo per riempirla di complimenti sperando che risolva il problema che le crea disagio. 

Leggi altri articoli di News Musica

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close