Levante lontana da sua figlia prova a spiegare il dolore che prova

levante figlia

Levante non immaginava di diventare come le altre madri le avevano raccontato e invece si ritrova a raccontare il dolore per il distacco da sua figlia. La cantante per la prima volta è lontana dalla sua bambina, è partita da poco ma confessa che le videochiamate con lei sono una vera sofferenza. Chissà quante volte penserà ai primi mesi della gravidanza, a quanto la notizia della dolce attesa l’aveva sorpresa. E’ sempre stata molto sincera, ha confidato che non aveva mai pensato all’idea di diventare madre, di avere dei figli, di certo non adesso e forse mai. Si è sempre immaginata come una donna anziana sola e felice con le sue cose. Quando poi ha scoperto di essere incinta ha sorriso, è così che è iniziato il suo viaggio ma l’ha scoperto solo quando era già incinta di tre mesi e per lei è stato un bene, così è riuscita a fare tutto mentre invece aveva paura che una gravidanza potesse limitarla.

Levante il primo viaggio senza sua figlia

“Camera d’albergo 708. West Hollywood – scrive Levante – Ore 3.30 abbandonata dal sonno. Per la colazione mi tocca aspettare ancora un po’ e nella stanza sopra di me non dormono, non fanno l’amore, litigano” non inizia bene il suo viaggio. “Le mie videochiamate con l’Italia sono dolorose perché vedere Alma dall’altra parte dello schermo e non poterla abbracciare mi secca il cuore. Dopo sette anni dall’ultima volta in cui sono venuta continuo a pensare la stessa cosa: sono una ragazza della East coast ma il buon clima mi fa accettare i difetti di LA”. Le manca la sua bambina e non pensava che il primo distacco sarebbe stato così doloroso.

La piccola Alma ha poco più di 4 mesi, è davvero molto piccola. Non credeva sarebbe stata una mamma come tante altre e non credeva avrebbe riempito il suo profilo social con foto e racconti della sua bimba e invece: “Un milione di volte mi sono detta che non avrei pubblicato troppe foto come queste. Che questo profilo, per quanto racconti molto di me, doveva rimanere libero da questo genere di tenerezza. Non ce la faccio. Alma mi commuove e mi spinge a gridare quanta gioia mi regala. Che cosa ci posso fare se mi rendi felice bambi mia? Sono vulnerabile, ma non c’è sorpresa più grande della sua presenza nella mia vita. Ogni giorno”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.