Lino Banfi confida la malattia della moglie Lucia, è un momento difficile per la famiglia


Lino Banfi confida la malattia della moglie Lucia, è un momento difficile per la famiglia

Lino Banfi ha un peso sul cuore e lo confida a tutti, la sua adorata moglie Lucia non sta bene, una malattia che rattrista l’attore fino a parlarne cercando conforto tra la sua gente. In Puglia Banfi ha accettato l’invito al festival del Libro Possibile dove ha presentato l’autobiografia Hottanta voglia di raccontarvi e tante altre stronzete. Commosso ha detto che non si sposta spesso, desidera stare vicino a sua moglie. L’abbiamo visto sorridere in tanti suoi film e apparizioni tv, negli ultimi anni anche con gli occhi lucidi nelle sue interpretazioni, più profondo e meno comico; adesso non nasconde il momento difficile che lui e la sua famiglia stanno attraversando. La moglie Lucia è sempre stata la sua vera forza e in questo periodo così delicato confessa: “E’ difficile far sorridere quando si ha una persona cara che non sta bene. Mi sposto eccezionalmente, perché voglio stare vicino a mia moglie: il valore della famiglia viene prima di tutto”.

A Polignano a mare Lino Banfi si è ritrovato a casa tra la gente che lo ama e i posti che lui ricorda con affetto. Ricordando anche Domenico Modugno, icona del bellissimo paese, ha aggiunto: “C’era una grande amicizia con Mimmo.

Tornerò qui con mia moglie, perché l’ha vista poco questa città”. E’ una promessa a se stesso e a tutti che commuove. Banfi non ha aggiunto molto sulla malattia di sua moglie ma ha condotto la platea a riflettere sulla condizione del giullare. Da lui ci si aspetta che sia sempre allegro e faccia ridere; infatti ha messo da parte la tristezza ed è tornato a sorridere per gli altri ma lasciando un segno in tutti.

Ha poi rivelato che nel suo libro c’è una lettera di Federico Fellini: “… nella quale mi scrive, ‘non mancherà occasione di fare una cosa insieme’. Sognavo questo momento, ma il regista poi morì…”. E ha aggiunto che il luogo della Puglia a cui è più legato è Canosa: “ dove ho vissuto fino a 17 anni: lì sento gli odori di casa, quella della mia terra. Sento gli odori della carota o del finocchio, lo dico da figlio di ortolano…”. Ricordando Paolo Villaggio poi: “Mi sta preparando il terreno lassù”. Invece ha ancora tanto da farci sorridere e riflettere.

Commenta l'articolo


  • Ultime Notizie Flash

    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicitá. Non puó pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 2001.

  • Chi siamo

    Ultime Notizie Flash by Purple di Filomena Procopio

    Via Della Libertà, 106 - Montesano Salentino (Lecce)

    P.I.:03370960795 - iscrizione REA: 307423