Gabriel Garko giù la maschera a Verissimo: condannato a mentire oggi via lo scafandro

C’è grande attesa per l’intervista di Gabriel Garko a Verissimo e domani, l’attore, nel salotto di Silvia Toffanin dirà tutta la sua verità. Per la prima volta parlerò liberamente di quella che è stata la sua vita fatta di tante bugie pubbliche e di un grande segreto che ha tenuto nascosto, o almeno ha provato a farlo per tanto tempo. Come ha già detto in diretta del Grande Fratello VIP, il suo era davvero un segreto di pulcinella, tutti sapevano ma nessuno poteva confermarlo se non arrivava da lui la certezza.

Ho avuto la mia prima vera storia d’amore con un ragazzo di nome Riccardo. Sono stato con lui undici anni. Inizia così la confessione di Gabriel Garko che nella puntata di Verissimo del 3 ottobre 2002 si confessa per la prima volta. Butta giù la maschera e parla di quello che è stato davvero ed è il suo privato.

GABRIEL GARKO A VERISSIMO PER LA PRIMA VOLTA PARLA DELLA SUA VITA PRIVATA, QUELLA VERA

Quattordici anni fa ho rotto gli schemi e mi sono preso una casa lontano da tutti. Io e Riccardo vivevamo insieme, ma era una situazione falsata. Quando venivano a cena gli amici, poi lui alla fine della serata faceva finta di andare via per poi tornare. Quando uscivamo o andavamo in vacanza eravamo sempre in gruppo” ha spiegato l’attore nella sua intervista con Silvia Toffanin.

L’attore spiega perchè ha deciso di fare il suo coming out: “Sono stato talmente tanto sul set che alla fine mi sono messo addosso un personaggio. Se hai un certo orientamento sessuale non puoi fare questo mestiere, il sistema te lo impone e quindi devi far finta di averne un altro. “

E ancora: “All’inizio l’ho preso come un gioco, poi giocando mi sono trovato dentro una macchina che mi ha incastrato e il gioco non è poi più stato così divertente. Ma oggi mi sono tolto la maschera, anzi lo scafandro”. Gabriel ha spiegato quello che tutti avevano capito, ha scelto di andare al Grande Fratello VIP anche per liberare Adua da un segreto, dalla difficoltà di dover continuare a mentire su una storia che non c’era mai stata.

Gabriel spiega che i suoi sapevano tutto e racconta:  “I miei genitori e le mie sorelle non mi hanno mai giudicato per le mie scelte, anzi mi hanno sempre protetto e coperto. Prima di iniziare a fare questo mestiere ho sempre vissuto bene la mia sessualità, in casa lo hanno sempre saputo. Avevo la convinzione che se avessi dichiarato il mio orientamento non avrei più lavorato. Inoltre, avevo paura che il pubblico potesse sentirsi preso in giro, ma il primo ad essersi preso in giro sono stato io“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.