Sarah Scazzi ultime notizie, Michele Misseri finisce in ospedale

Michele Misseri era stato scarcerato nella giornata di ieri alle 19,20 circa. Dopo tanti mesi, finalmente aveva potuto fare ritorno nella sua casa, dalla quale mancava dal 6 ottobre scorso, ma pare che qualcosa sia andato storto. Sembra che Misseri abbia avuto problemi di salute, e che ieri sera avrebbe dato segni di squilibrio. E’ per tale motivo che è intervenuta un’ambulanza. Ma la vicenda è ancora poco chiara. Si era detto che, in seguito alla visita dei dottori, fosse stato prescritto a Michele Misseri un trattamento sanitario obbligatorio, ma tale notizia è stata smentita nella mattinata. Michele era stato trasportato presso l’ospedale di Taranto, dove ha passato parte della notte, per poi rientrare nuovamente in casa sua.

Pare ora che le condizioni di Michele Misseri siano buone, tanto che al suo rientro a casa avrebbe parlato con qualche giornalista. Secondo alcune voci, lo zio Michele si sarebbe sfogato, dicendo di essere lui il vero assassino.

Ma è ancora un mistero chi abbia effettuato la telefonata al 118. Infatti Valentina Misseri, figlia di Michele, si trovava con lui in serata, e non aveva notato alcun segno di squilibrio. Anzi, Valentina ha dichiarato che suo padre stava bene, e sembrava solo smarrito per il rientro a casa. Chi ha chiamato quindi il 118? A detta dei medici, sarebbe stato il sindaco di Avetrana.

Che Michele non abbia retto al forte stress emotivo nel rientrare nella casa in cui è stato compiuto il folle gesto ai danni della quindicenne Sarah Scazzi?Sta di fatto che per il gip lui non ha partecipato all’omicidio della piccola Sarah, e non era nemmeno presente mentre sua figlia Sabrina la strangolava. Ora quindi, potrà stare nella sua casa di via Deledda, ma senza la moglie Cosima e la figlia Sabrina, per le quali si prevede un lungo periodo di detenzione.

A.D.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.