Melania Rea ultime notizie, il padre contro Parolisi: “Gli auguro tutto il male”

Melania Rea ultime notizie, il padre si scaglia contro Parolisi – La storia di Melania Rea arriva oggi, dopo tre mesi dal ritrovamento del corpo della giovane donna di Somma Vesuviana, a un triste epilogo. Una fine triste soprattutto per la figlia Vittoria, una bambina di circa due anni di vita, che da domani si troverà a crescere senza entrambi i genitori. Il marito di Melania Rea, Salvatore Parolisi, è stato arrestato. Su di lui pesa l’accusa di omicidio volontario pluriaggravato. I pm non hanno dubbi: è stato lui ad uccidere Melania, anche se nel corso dei mesi ha tentato di far credere il contrario agli inquirenti. In questa storia però, c’è anche la famiglia Rea, una famiglia che oggi è stata affondata in un secondo dolore. A tal proposito ha parlato il padre di Melania Rea, che non ha riservato parole di pietà per Salvatore. Vediamo insieme le ultime notizie.Il padre di Melania afferma di aver conosciuto non il vero Salvatore Parolisi, ma un suo clone. Aggiunge che gli augura tuto il male per quello che è successo. “Posso dire di aver scoperto di avere un clone in casa mia, ho scoperto che non era quello il Salvatore che ho conosciuto per dieci anni e che mia figlia adorava”, ha aggiunto. Sostiene che Melania lo ha sempre adorato e che è morta per l’amore che aveva per lui. Aggiunge che non riesce a pensare che Salvatore abbia infierito sul cadavere della figlia e che non ci sono appellativi per apostrofarlo, aggettivi da dedicargli.

2 responses to “Melania Rea ultime notizie, il padre contro Parolisi: “Gli auguro tutto il male”

  1. Più che augurargli ogni tipo di male, anche se è più che comprensibile lo stato d’animo del babbo di Melania, sfidi apertamente Salvatore a dire tutta la verità pubblicamente, se vuole sperare almeno di evitare l’ergastolo, e perciò molti anni di prigione: il caercere è già duro di per se stesso, per cui potrebbe essere equivalente al male per il genero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.