SpiderTruman c’è un video, è lui l’uomo che sta sconvolgendo la politica italiana?

Un video su YouTube che fa il giro dell’Italia, ma anche del mondo per presentarsi. Secondo quello che dice l’uomo mascherato in video, lui è il famigerato SpiderTruman, l’uomo che sta sconvolgendo la Camera, i politici e i cittadini. Ma il vero Spider>Truman non ha dubbi e subito, dalle sue pagine di Facebook, dichiara alla comunità di internauti che non è lui, è un falso. Lui parla ai cittadini attraverso le pagine del social network e non con il video messaggio di YouTube.

Maglietta nera, maschera bianca, tricolore steso sulla scrivania, il falso SpiderTruman parla della casta politica che non vuole rinunciare ai propri privilegi, nemmeno in questo momento in cui il paese ha più bisogno di uomini leali e giusti.

Ormai da qualche giorno su Facebook c’è una piccola, proprio piccola non è, comunità di internauti che si domanda continuamente com’è possibile che all’interno del nostro sistema politico si possa prendere in giro l’elettore.

A dire inizio a tutto, un precario della Camera, a cui è stato dato il “ben servito” dopo anni di lavoro anche se poco retribuito, confrontandolo con quelli dei suoi “conoscenti” della Camera. Carte alla mano, confidenze di molti “amici”, SpiderTruman attacca la casta del Governo, quella che, per intenderci, dovrebbe lavorare per noi, per il nostro paese e che invece, pensa a ingrassare le proprie tasche, quelle dei propri parenti e dei propri amici. La pagina ha raggiunto il numero di 36 mila fan che leggono e approvano le continue pubblicazioni del precario  che parla di tutto quello che sa su Montecitorio e su come si possono avere telefoni gratis, sulle auto blu, sui viaggi gratis aerei, sulle assunzioni …

Sicuramente di queste informazioni ne avevamo già sentito parlare, se ne conoscevano alcuni risvolti, ma mai nessuno ha avuto il coraggio di opporvisi, come adesso. Un sistema che sembra impenetrabile anche dalla magistratura, che, per alcuni è anche’essa coinvolta in questo giro di “piaceri”. Non tutti naturalmente e possiamo dire per fortuna, altrimenti non avremmo le inchieste attuali contro i deputati o senatori.

Un piccolo terremoto che sembra sconvolgere più i cittadini che la “casta” stessa.

Teresa Corrado

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.