Chi l’ha visto riassunto 14 settembre: l’appello del figlio di Mike Bongiorno

Ieri, 14 settembre 2011, è andata in onda la prima puntata della nuova stagione televisiva di “Chi l’ha visto”, programma condotto da Federica Sciarelli, in onda su Rai Tre, che ormai da anni si occupa dei casi più misteriosi della cronaca nera italiana. Grazie al lavoro svolto dal programma, oltre che aiutare i familiari delle persone scomparse, si è riusciti, in alcuni casi, a fare dei passi da gigante nelle indagini riguardanti delitti. E’ il caso, per citarne uno, del delitto di Elisa Claps.

Ma Federica Sciarelli, nel corso degli anni, si è occupata di moltissimi gialli. Per ultimi, quelli di Sarah Scazzi, Yara Gambirasio e Melania Rea. Ieri, ospite della trasmissione, è stato il figlio di Mike Bongiorno. Un caso strano quello che ha come protagonista, suo malgrado, il noto conduttore televisivo: come sappiamo, Mike non è scomparso da “vivo”: è stata la sua bara a sparire nel nulla. Vediamo insieme le ultime notizie.Il figlio di Mike ha rivolto un appello, a due anni di distanza dal giorno della morte del conduttore, affinché chi sa qualcosa parli. Lo aveva già fatto, qualche giorno fa, con una lettera (leggi), ma ieri ha deciso di andare in tv, di farsi vedere, sperando di convincere chi ha potuto compiere l’atroce gesto, a rimediare, portando indietro la bara di Mike e assicurando una dignitosa sepoltura a uno degli uomini della televisione italiana che, si può dire, ne ha fatto la storia. E’ apparso commosso davanti alle telecamere di Rai Tre. E’ l’appello di un figlio che altro non vuole che un posto dove potersi sentire vicino al padre defunto. Dove portare un fiore, dove parlare dei suoi problemi e delle sue gioie. La speranza del giovane ragazzo non muore mai: deve trovare il feretro del padre, non si arrende. Ed è disposto a perdonare tutti, pur di avere indietro il suo adorato papà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.