Nuovo inno del Pdl: il rapper J Ax vuole denunciare Berlusconi per plagio

Nuovo inno del pdl fa infuriare J Ax – Berlusconi non potrebbe mai finire di stupirci. Ha lanciato il nuovo inno del Pdl, dal titolo “Gente di libertà”. Sebbene la nuova canzone (dopo “Meno male che Silvio c’è”) non è ancora stata suonata in pubblico, il premier si trova già ad affrontare alcune polemiche. Il rapper J Ax, ex leader degli Articolo 31, ha infatti scritto sul suo account twitter che oggi l’avrebbe denunciato per plagio. La canzone che J Ax sostiene, come dire, di “aver ispirato” il Pdl è la sua “Gente che spera”, uscita nel 2002, con l’album “Domani Smetto”. L’oggetto del contendere sono le parole della canzone: “Noi siamo il Popolo della Libertà, gente che spera, che lotta e che crede nel sogno della libertà”. Ecco le ultime notizie.J.Ax ha fatto notare che il testo del nuovo inno del Pdl presenta eccessive somiglianze con quello della sua canzone “Gente che spera”, pubblicata nell’album del 2002 “Domani smetto”.

Sul proprio account Twitter ufficiale, il rapper si infuria e minaccia di denunciare per plagio l’ex presidente del consiglio Silvio Berlusconi: “Domani denuncio Berlusconi. Buonanotte. Incredibile c…”. Inutile dire che i fan di J Ax stanno ritwittando e inviando messaggi al loro beniamino prendendo anche in giro l’ex premier, tanto che il nome “J Ax” è tra i trend del giorno su Twitter. Del nuovo Inno del Pdl dicono che se ne sia occupata in particolare la deputata Rosaria Rossi che ne avrebbe composto la maggior parte del testo. Si sarà davvero ispirata a un testo degli Articolo 31? Eppure non sembrava il tipo di ascoltatrice ideale degli Articolo. Vedremo come andrà a finire. Una cosa è certa: all’ex cantante degli Articolo 31, J Ax , proprio non è andata giù la nuova canzoncina del partito dell’ex premier. Chissà se Berlusconi sarà costretto a cambiare l’inno. E chissà come farà senza il suo Apicella, “costretto” sull’isola dei famosi…

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.