Palermo, cade asteroide: è l’inizio della fine del mondo?

Fine del mondo: meno quattro. Sono in molti a fare il conto alla rovescia fino al 21 dicembre, data che, secondo chi ha interpretato gli scritti dei Maya, segnerebbe la fine del mondo. E da ieri quella profezia ha iniziato ad inquietare un po’ tutti, dal momento che improvvisamente, a Palermo, è caduto un asteroide, e la sua scia luminosa è stata vista da molte persone in città. Secondo le ultime notizie, il frammento caduto a terra dovrebbe appartenere all’asteroide Toutatis che è passato vicino al nostro pianeta qualche giorno fa. Una bimba palermitana, che era sulla terrazza della propria abitazione, ha visto precipitare l’asteroide e lo ha descritto “grande quanto una grossa pietra“, che ha lasciato “una luminosa scia rossa“. Secondo quanto riporta il sito siciliainformazioni.com, il meteorite sarebbe stato ritrovato in un campo, nel quartiere Brancaccio di Palermo.La bimba che ha visto la “luminosa scia rossa” ha tentato di raccogliere con i genitori quel grosso meteorite avvolgendolo con un giornale, ma al contatto la carta ha iniziato ad emettere del fumo. Sono prontamente intervenuti sul posto gli agenti della polizia e i Vigili del fuoco, che hanno preso in consegna in masso fumante. Secondo le ultime e importanti notizie, il meteorite non è radioattivo. Adesso il frammento è stato affidato all’Ingv, Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, che studierà da quale parte dello spazio quella pietra è giunta sulla Terra.

Ma i più apocalittici, dopo l’avvenimento di ieri, parlano già di fine del mondo. In tutto il mondo è infatti impazzata la psicosi: c’è chi costruisce un’arca come Noè per salvarsi, chi compra il kit di sopravvivenza, chi (a Napoli) costruisce un maxicorno. Si tentano tutte, per scampare alla profezia dei Maya.

One response to “Palermo, cade asteroide: è l’inizio della fine del mondo?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.