Femminicidio, sì del Senato al decreto legge

Il Senato dice sì al decreto legge sul femminicidio. Dunque l’Aula del Senato ha approvato il decreto contenente le misure per garantire la sicurezza delle vittime e per contrastare la violenza di genere. Il Senato ha approvato il decreto con 143 sì e 3 no. Il provvedimento era già stato approvato alla Camera, e dunque ora diventa legge. A non partecipare al voto sono state Lega, Sel e M5S. Si tratta di un passo importante per le vittime di violenza di genere, per far fronte al femminicidio che quasi ogni giorno fa parte della cronaca nera italiana.

Con il sì del Senato al decreto legge sul femminicidio potrebbe esservi una svolta importante. Tra gli emendamenti presentati, vi è quello del braccialetto anti stalking, l’irrevocabilità della querela al fine di tutelare la vittima da intimidazioni perché ritiri la denuncia, l’arresto in flagranza obbligatorio per maltrattamenti su familiari e conviventi. Molte le polemiche su tali novità, che vedrebbero il decreto improntato più sul punire la persona che non a tutelare e prevenire la violenza sulle donne.

Si spera che il decreto, divenuto legge a tutti gli effetti, possa garantire alle vittime di violenze e di stalking la giusta tutela. Sono ancora troppe le morti annunciate per le quali non si è fatto nulla, e molte le donne che vivono ai margini della società per nascondersi da uomini violenti dai quali hanno ricevuto minacce indirizzate a loro e ai propri cari.

Insomma, un intervento in materia era sicuramente necessario. Si spera che abbia l’effetto sperato scongiurando la morte di altre donne.

Che ne pensate del decreto legge sul femminicidio? Lo ritenete sufficiente a far cambiare le cose? Diteci la vostra al riguardo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.