Autoscatti sui social network: possono finire nelle mani dei pedofili

La tendenza più diffusa in rete e sui social network è quella delle foto, degli autoscatti, e i minorenni non possono che seguirla. Ma bisogna prestare attenzione: gli autoscatti che si diffondono in rete possono finire nelle mani sbagliate, ovvero quelle dei pedofili. Infatti molte ragazzine al di sotto dei 18 anni sono solite scattare foto a se stesse, alle volte anche un po’ spinte. Queste foto vengono diffuse sui social network o inviate a persone di cui si crede che ci si possa fidare. Il passo dalla diffusione dell’autoscatto alla sua appropriazione da parte di malintenzionati può però essere molto breve.

E così la pratica degli autoscatti in pose ammiccanti e sensuali, o che addirittura ritraggono le ragazzine senza veli, possono diventare virali. La persona a cui vengono inviati può farne cattivo uso, girandoli agli amici, facendoli finire in rete. Da qui il passo è molto breve, e gli autoscatti delle minorenni possono finire nelle mani dei pedofili. Coloro che hanno fatto un vero e proprio business del mondo della pedo-pornografia, sono bravissimi ad accaparrarsi questi autoscatti, ottenuti con poca fatica.

La Internet Watch Foundation, charity britannica che si occupa proprio di tracciabilità e rintracciabilità dei contenuti pedo-pornografici, ha denunciato che la circolazione degli autoscatti di minorenni è più diffusa di quello che si pensa. I siti che si occupano di pedo-pornografia accolgono questi contenuti, prelevandoli dalla loro fonte di origine, per poi diffonderli su portali per adulti. Il social network sta divenendo una fonte inesauribile di immagini riconvertite per scopi davvero poco nobili. A preoccupare è il fatto che i giovani non abbiano consapevolezza del giro che possono fare i loro autoscatti e i loro video in rete. La IWF lancia l’allarme, dimostrando che sono davvero molte le immagini che finiscono nelle mani di pedofili, ovvero su siti pedo-pornografici.

Per far fronte a questo problema, sarebbe bene che i minorenni non postassero i loro autoscatti, soprattutto se “ammiccanti”, sul web. Infatti si potrebbe perdere il controllo dell’immagine fin da subito e questa potrebbe fare dei giri inaspettati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.