Terremoti in Italia: scossa magnitudo 3.2 tra L’Aquila e Teramo

Attimi di terrore in Abruzzo. Una scossa di terremoto di magnitudo 3.2 della scala Richeter è stata registrata questa notte, alle 2:31, in Abruzzo, e precisamente al confine tra le province dell’Aquila e Teramo. Le scosse sono state avvertite da tutta la popolazione. I rilevamenti dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv) ha comunicato che il sisma ha avuto ipocentro a 18,2 km di profondità ed epicentro in prossimità del comune aquilano di Campotosto e di quello teramano di Crognaleto. Per fortuna, in seguito alle verifiche effettuate dalla Sala situazione Italia del Dipartimento della Protezione Civile, non risultano segnalazioni di danni a persone o cose.
Un’altra scossa di terremoto, di magnitudo 2.6,  è stata registrata, invece, alle 5:45 della mattinata in Umbria, nella zona sud della provincia di Perugia. Localita’ prossime all’epicentro: Spoleto, Campello sul Clitunno e Castel Ritaldi. Sempre secondo quanto riferito dall’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), il sisma ha avuto il suo ipocentro a 8 km di profondità ed epicentro all’altezza dei comuni di Campello sul Clitunno, Castel Ritaldi, Sant’Anatolia di Narco e Spoleto. Anche qui nessun ferito, né danno alle abitazioni.

Proprio ieri pomeriggio, all’incirca verso le 17,30, il sisma sono state avvertite a Lucca, in Toscana con una scossa di magnitudo 2,4 gradi sulla scalla Richeter. Altre scosse erano state registrate, sempre ieri, nei pressi delle isole Lipari, in Sicilia.

Il terremoto si è registrato anche in altre parti del Paese tanto da potersi definire la giornata sismica italiana. A partire dalla mezzanotte, infatti, l’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologiacirca ha registrato 20 scosse  su tutto il territorio nazionale. Alcune di queste hanno di gran lunga superato la magnitudo 2. Altre scosse percepibili sono avvenute, in Campania, magnitudo 2, profonda 8.8 chilometri, alle 5:01 nella provincia di Avellino, distretto sismico Irpinia, l’altro sisma, in Umbria, alle ore 5:45, magnitudo 2.6 ad una profondità di 8 chilometri, nel distretto sismico della Valle del Topino, vicino i comuni di Spoleto (PG) e Castel Ritaldi (PG).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.