Maltempo, centro e sud Italia colpiti da pioggia e freddo: due i morti

Negli ultimi giorni il maltempo che ha raggiunto il centro e il sud Italia continua a provocare danni e disagi. Due sono i morti dal freddo, in Calabria e nelle Marche. In Calabria, infatti, le temperature sono calate di gran lunga e la pioggia e il freddo sono alle stelle. Anche nelle Marche nevica da un po’ di giorni. Le strade, infatti, sono rese pericolose a causa del ghiaccio che si è venuto a formare. Anche l’Abruzzo, nonostante qualche leggero miglioramento, è stato attraversato da un’intensa ondata di freddo. Questo giovedì, infatti, le scuole resteranno chiuse causa neve. In seguito alla terribile alluvione in Sardegna, il maltempo che ha colpito il centro e il sud Italia ha causato la morte di due persone. La prima è Man Addia, un immigrato di 31 anni. L’uomo dormiva in auto poiché non aveva trovato un posto nella tendopoli. Le cause della sua morte sono ancora da verificare ma, nel frattempo, la Procura di Palmi ha aperto un’inchiesta. A soccorrere l’uomo era stato il 118. Pare che l’uomo aveva accusato un malore, ma non era stato ricoverato. Tra l’altro, si indaga anche su possibili responsabilità da ricondursi alla mancata sistemazione dell’uomo nella tendopoli di San Ferdinando, dove si era recato per lavorare nella raccolta degli agrumi. L’altra vittima, invece, è Simonetta Bollettini, di 45 anni. La donna è rimasta vittima del maltempo che ha interessato le Marche. A quanto pare la signora Bollettini ha perso la vita in un incidente d’auto all’altezza di contrada Vallemaria di Falerone, in provincia di Fermo. Complice è stata senz’altro la strada resa pericolosa dal ghiaccio che si era venuto a formare per il troppo freddo. Il marito della donna, in macchina con lei al momento dell’incidente, è grave. Intanto, in Sardegna, Luisa Spanu, insegnante di 42 anni, ricoverata in ospedale in seguito all’incidente d’auto mentre era di ritorno da casa, è morta. La donna era finita fuori strada per un ramo caduto nella carreggiata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.