Papa Francesco potrebbe dare dimissioni

Girano le voci e giungono dall’Argentina sulle possibili dimissioni di Papa Francesco. Anche lui, come Benedetto XVI potrebbe riunciare al pontificato, ma questo solo quando arriverà il momento in cui sentirà che la sua missione sarà terminata.A sposare questa ipotesi sono due persone in particolare. La prima è una persona che lo conosce alquanto bene, l’ex portavoce di Bergoglio, Guillermo Marcò ai tempi in cui Papa Francesco era arcivescovo di Buenos Aires. La seconda è una giornalista francesce che di recente ha pubblicato un libro sul pontefice. Marcò, durante un’intervista radiofonica, infatti, ha riferito che, viste le tante sorprese che ci regala sempre Papa Francesco, c’è da aspettarsi anche le sue possibili dimissioni.
«Dopo il gesto di Benedetto non sembrerebbe strano che il Papa rinunciasse, dopo aver fatto quello che pensava di dover fare e se sente che la sua forza si sta indebolendo», riferisce Marcò. Le dimissioni di Papa Francesco ovviamente potrebbero esser viste in chiave positiva. Qualora il pontefice rinunciasse alla sua nomina, lascerebbe il posto a qualcuno di più giovane.

La giornalista francese, Caroline Pigozzi, in un’intervista a Infobae ha sostenuto la stessa tesi di Marcò: «Credo che Papa Francesco abbia una visione tutta sua del potere, una visione gesuita e personale. È arrivato tardi, ha una missione da compiere e sa quello che fa». Si diffonde così l’idea che quel giorno, il giorno in cui Papa Francesco dovesse sentire che non può andare oltre, che le forze lo stanno abbandonando, potrebbe dare le dimissioni così come ha fatto Ratzinger. Sempre secondo la Pigozzi, Papa Francesco dimettendosi creerebbe una sorta di “nuova regola” all’interno del Vaticano. Anche lui, come Benedetto XVI darebbe vita a un fatto storico creando così una sorta di consuetudine nel Vaticano. E’ pur vero che, se questo dovesse succedere, molte persone resterebbero deluse, ma forse poi capirebbero perché in fondo Papa Francesco è sempre stato un po’ così “diverso”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.