Catania, rissa alla presentazione di Forza Italia: “Ho pagato per voi i cittadini”

È finito in rissa il debutto della nuova avventura di Forza Italia a Catania. Il partito, nato per esplicita volontà di Silvio Berlusconi dopo la scissione interna al Popolo della Libertà, aveva organizzato una convention in un hotel della città siciliana per presentare il programma politico ai propri elettori, ma l’evento ha avuto un epilogo non previsto.
Come raccontato dalla testata Livesicilia.it, nell’hall dell’albergo due uomini hanno fatto irruzione protestando animatamente con l’ex sindaco Raffaele Stancanelli, tra i principali protagonisti del nuovo percorso politico.
I due hanno recriminato con l’ex primo cittadino, per la presunta mancata copertura di un debito riguardante l’organizzazione di una manifestazione elettorale svoltasi prima delle scorse elezioni amministrative. Nello specifico, il più esagitato dei manifestanti ha urlato verso l’ex sindaco di aver anticipato “50 euro per ogni disoccupato” che aveva preso parte alla manifestazione. L’evento aveva avuto luogo a Librino, uno dei quartieri popolari più popolosi di Catania e tra le zone a più alta concentrazione di disagio socio-economico.
L’uomo, che si è dichiarato gravemente malato e bisognoso di un trapianto, ha inoltre sostenuto di possedere tutte le email in cui veniva rassicurato del fatto che i soldi sborsati gli sarebbero stati ritornati, pagamento però che non sarebbe mai avvenuto. Stancanelli, dal canto suo, si è dichiarato totalmente estraneo alla vicenda e “pronto a sporgere querela nei confronti di chiunque tirerà in ballo il mio nome” in quanto “non sono fatti che riguardano la mia persona“.
Per chi fosse curioso di comprendere cosa sia successo, ecco il video dell’episodio pubblicato dal Fatto Quotidiano.

One response to “Catania, rissa alla presentazione di Forza Italia: “Ho pagato per voi i cittadini”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.