L’efferato assassinio di un italiano in Irlanda

Il terribile delitto commesso da Saverio Bellante, palermitano di 34 anni accusato di aver accoltellato a morte il giornalista e ricercatore Tom O’Gorman, sta facendo rapidamente il giro del web e delle maggiori testate giornalistiche.

Il nostro connazionale, reo confesso, è stato arrestato la notte tra sabato e domenica a Dublino. Nonostante i particolari dell’efferato omicidio non siano stati completamente divulgati perché ritenuti dalla stampa irlandese “troppo macabri”, diverse indiscrezioni possono permetterci di fare un quadro piuttosto chiaro dell’accaduto. Secondo l’Irish Independet, Bellante avrebbe ucciso il suo coinquilino al termine di una partita di scacchi, pugnalandolo più volte con un coltello da cucina. Poi, lo scempio del cadavere. Il giornale irlandese riporta parte della confessione dell’assassino, che avrebbe detto alla polizia di aver mangiato il cuore della sua vittima. L’autopsia ha smentito però le dichiarazioni shoccanti di Bellante: l’organo è stato trovato intatto ma alla vittima mancava un polmone. A chiamare le forze dell’ordine sarebbe stato l’assassino stesso, trovato e arrestato nell’appartamento di Castelknock, nella periferia della capitale irlandese, dove da diversi mesi l’italiano e l’irlandese convivevano.

Ma chi è Saverio Bellante? Andrea Perniciaro di Palermo Today ne traccia accuratamente il profilo descrivendo lo sgomento dei suoi conoscenti, increduli dell’accaduto. “Si è sacrificato tanto per lo studio – commentano gli amici – per arrivare dove è arrivato… Non è possibile che abbia fatto una cosa del genere”. Nato il 17 luglio del 1979 a Palermo, Saverio e il secondo di tre figli. La madre è casalinga, il padre pensionato. Il fratello maggiore è un vigile urbano. “Non faceva uso di droghe – racconta l’amico d’infanzia Francesco Lo Nardo – solo qualche ‘cannetta’ ogni tanto. L’ultima volta che ci siamo visti, mi ha detto che era contento del lavoro che faceva e che finalmente dopo tanto tempo era riuscito a sistemarsi”. Saverio vive a Dublino da due anni. Dopo aver terminato gli studi all’Itc Francesco Ferrara, ha frequentato l’ateneo palermitano per poi conseguire un master in “Etica degli affari, del consumo e della responsabilità sociale” all’Università di Siena-Arezzo. Da tempo lavora nella ditta farmaceutica Allergan come assistente alla clientela. Nessuna infrazione, nessun problema, nessuna lamentela. “L’unica spiegazione che mi do – continua l’amico Lo Nardo – è che fosse sotto l’effetto di qualche stupefacente che gli abbia fatto perdere la ragione”.

Un omicidio che lascia tutti sbigottiti, un crimine che nasce dal nulla. La stampa irlandese non ha ancora divulgato tutti i dettagli dell’accaduto e nessun esame tossicologico è stato per ora effettuato su Bellante. Già oggi, l’assassino si è presentato in tribunale e forse, da domani sapremo qualcosa di più. Può davvero una partita di scacchi (probabilmente persa) scatenare una rabbia simile? Rispondere a questa domanda non è semplice, anzi, forse è impossibile. Troppi vuoti non ci permettono di azzardare nessun movente. Quale rapporto avevano i due? C’erano state liti nei mesi passati? Ciò che destabilizza di più è l’affermazione dell’assassino. Una rabbia simile non può non essere giustificata. E se la giustificazione fosse la pazzia? Di Tom O’Gorman, si sa ancora meno e ancora una volta, è trapelato solo lo sgomento dei colleghi dell’organizzazione cattolica di Dublino per cui il giornalista lavorava.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

L’efferato assassinio di un italiano in Irlanda

Il terribile delitto commesso da Saverio Bellante, palermitano di 34 anni accusato di aver accoltellato a morte il giornalista e ricercatore Tom O’Gorman, sta facendo rapidamente il giro del web e delle maggiori testate giornalistiche. (altro…)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.