Terremoto Campania e Molise 20 gennaio 2014: le ultime notizie

Alle 8.12 di lunedì 20 gennaio 2014 è stata avvertita una scossa di terremoto tra Caserta, Campobasso e Benevento

Nelle prime ore di questa mattina, lunedì 20 gennaio 2014, è stata avvertita una scossa di terremoto che ha visto il proprio  epicentro nei monti del Matese. Il movimento tellurico è stato sentito nelle provincie di Caserta, Benevento e Campobasso.

A riferire la notizia è stata la protezione civile. Secondo gli ultimi rilievi che sono stati registrati dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, è stato confermato come stamane alle ore 8.12 è stata avvertita una scossa di terremoto di magnitudo 4.2 che ha avuto come epicentro le località nei pressi dei monti del Matese ad una profondità di circa 11 chilometri.

L’evento tellurico è stato avvertito soprattutto nei comuni di Piedimonte Matese, Castello del Matese, San Potito Sannitico, Cusano Mutri e nella provincia di Caserta, zone considerate le più vicine all’epicentro. La scossa, tuttavia, è stata sentita con una certa intensità anche nelle province di Caserta, Campobasso e Benevento.

Alla scossa di terremoto di questo lunedì 20 gennaio 2014  ne è stato registrata un’altra alle ore 8.21 con una intensità pari a 2.6 di magnitudo.

La Protezione Civile ha dichiarato che, almeno per il momento, non si riescono a definire con precisione se ci siano stati dei gravi danni a cose e persone e che qualche certezza si potrà ottenere solo nel corso della mattinata, quando gli esperti potranno verificare con attenzione la situazione degli edifici e la salute degli abitanti delle zone che hanno avvertito la scossa sismica.

Non dimentichiamo che la scossa di terremoto di questa mattina, non era la prima registrata in queste zone: già un paio di settimane fa la popolazione di quest’area aveva assistito ad un fenomeno tellurico di importante intensità e ne era rimasta terrorizzata.

Non ci rimane che attendere e confidare nel fatto che i danni provocati da questo evento sismico siano limitati al minimo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.