Milano, uccide la compagna a coltellate dopo una lite

Un terribile delitto è avvenuto nella serata di ieri a Milano. Un uomo ha ucciso la compagna a coltellate dopo una lite. A morire è una donna di 48 anni, cittadina italiana di origini ecuadoriane. L’assassino è il suo convivente, un uomo di 44 anni di origini egiziane. I fatti si sono svolti in casa loro in via Accursio, non lontano da viale Certosa, a Milano.

Erano circa le ore 23, quando il 44enne avrebbe accoltellato la compagna. A lanciare l’allarme sono stati i vicini, che hanno sentito le urla della donna, vittima della follia del compagno. Sul posto sono giunti i soccorsi del 118 e la Polizia di Quarto Oggiaro. Il convivente della vittima è ora agli arresti e su di lui pende la terribile accusa di omicidio aggravato. A nulla sono serviti i tentativi di rianimare la 48enne da parte dei sanitari del 118. La donna purtroppo aveva riportato molte ferite da arma da taglio, alcune di grave entità, che non le hanno lasciato scampo. L’uomo avrebbe ucciso la compagna con un coltello da cucina dalla lama molto lunga e affilata. A provocare maggiori danni è stata la coltellata sotto il petto.

Intanto il 44enne è stato interrogato, perché sospettato di aver ucciso la compagna a coltellate a seguito di una lite. L’uomo nega tutto, e sostiene che sia stata la stessa convivente a provocarsi i tagli con il coltello in preda ad un raptus. Tale ipotesi non sembra essere avvalorata dai fatti, e i sospetti ricadono proprio su di lui.

Alla base dell’omicidio potrebbe esserci un rapporto difficile tra i conviventi. La donna aveva confidato ai suoi familiari di ricevere delle molestie dal suo compagno, e per questo le avevano consigliato di sporgere denuncia. Purtroppo però, come troppe volte avviene, la 48enne non lo aveva fatto.

Si tratta dell’ennesimo caso di violenza sulle donne. Si attendono ulteriori aggiornamenti su quanto accaduto ieri sera a Milano, dove un uomo ha ucciso la compagna a coltellate dopo una lite.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.