Bari, direttore di banca scompare con 50 milioni di euro

E' successo a Bari: il direttore di una filiale Unicredit scompare portando con sé 50 milioni di euro

E’ giallo a Bari: in una filiale di Unicredit del capoluogo pugliese sono scomparsi ben 50 milioni di euro mentre del direttore della banca non si ha alcun tipo di notizie da ben tre giorni. Il sospetto è che sia fuggito all’estero con questa enorme cifra di denaro.

Nella città di Bari si sono verificate nel corso degli ultimi giorni delle coincidenze piuttosto curiose che hanno fatto pensare che il direttore di una delle filiali di Unicredit situate nel capoluogo pugliese sia fuggito all’estero impossessandosi di ben 50 milioni di euro.

A lanciare l’allarme sarebbe stato un facoltoso imprenditore della zona che si era recato nella filiale per incassare un assegno di un milione di euro; quando è arrivato allo sportello, tuttavia, il conto risultava essere scoperto. E’ stato contattato immediatamente chi aveva apposto la firma su quel documento per chiedere spiegazioni ma l’uomo era molto certo delle proprie disponibilità economiche.

E’ stato contattato immediatamente il direttore della banca che, però, non era né al lavoro e non era nemmeno rientrato a casa. Ora il sospetto è che Michele Scannicchio, il direttore della filiale di Bari Poggiofranco, abbia deciso di fuggire all’estero portandosi dietro tutti i suoi soldi.

L’istituto di credito si è difeso sostenendo di non essere parte lesa. Secondo alcuni accertamenti effettuati, non risultano esserci ammanchi nella banca: le indagini di Unicredit, infatti, avrebbero dimostrato che quei 50 milioni di euro non sarebbero mai stati sottratti. Anzi, a differenza di quello che cercano di dimostrare i due imprenditori dalle carte che hanno in mano, non sarebbero mai stati depositati in banca.

Quale sarà l’epilogo di questa vicenda ancora non si può sapere, ma nel frattempo proseguono le ricerche volte a capire dove sia finito il direttore della banca e quei famosi 50 milioni di euro.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.