Spaghettigovern, l’ultima provocazione di Beppe Grillo sul Governo Renzi


#Spaghettigovern è l’ultimo hashtag lanciato da Beppe Grillo su Twitter. Si tratta di una parola presa in prestito dal genere spaghetti western e che va contro il neo Governo Renzi. Sul suo blog, l’ultimo post di Beppe Grillo parla del neo totoministri come fosse un film di serie b girato a Cinecittà. Un film molto costoso. Grillo cita Pasolini e afferma che se prima nei grandi palazzi della politica c’era il nemico, adesso c’è il vuoto. Si parla degli “attori invisibili” quali la FMI, la BCE e Confindustria. Questi ultimi sarebbero i grandi gruppi che decidono le sorti della nostra nazione e i politicanti italiani non sarebbero che una sorta di esecutori finali delle loro decisioni. Questo, in sintesi, il pensiero di Beppe Grillo. Come al solito, il leader M5S non argomenta. È solito fare affermazioni  che potrebbero anche essere giuste, ma lancia slogan e non approfondisce. Sarebbe stato più utile spiegare i legami tra i politici e questi gruppo e spiegare perché secondo lui decidono e soprattutto quali sono gli interessi in ballo e di riflesso le decisioni prese o che potrebbero essere prese dal Governo Renzi per favorire tali interessi. A ogni modo, ha lanciato Spaghettigovern come hashtag e chiunque può partecipare alla discussione (se così la si può definire) sul suo blog e su Twitter. Data la portata del post, poi i commenti a Spaghettigovern risultano della stessa pasta: slogan semplificati e insulti banali. Se Beppe Grillo vuole contrastare questa politica, dovrebbe parlare di fatti. Proprio i contenuti sono quelli che sono mancati nella discussione in streaming con Renzi. Invece di dialogare e inchiodare il neo premier spiegandogli quali sono i punti che il M5S avrebbe voluto imporre al neo Governo per far cambiare dell’Italia si è limitato a distinguersi dal PD insultando il modo di fare politica di Renzi e co..  Infine, ha anche espresso malumore contro i dissidenti interni, che pretendevano un confronto sui contenuti.

Leggi altri articoli di News e Cronaca

3 commenti su “Spaghettigovern, l’ultima provocazione di Beppe Grillo sul Governo Renzi”

  1. clara
    Febbraio 22, 2014

    grillo li ha i progetti e proposte ,inutili da dire a questi nostri governanti maledetti mafiosi e ladri, loro si che non le faranno mai per il bene del paese e cittadini percio’ e’ inutile comunicare o pensare di appoggiare i politici o partiti ,ma solo le riforme !

    • De Prosperis Cesarec
      Febbraio 23, 2014

      E ci risiamo!, ma insomma Grillo secondo la “STAMPA PREZZOLATA” dovrebbe scendere a patti con chi?, con quelli che ci hanno ridotto nelle condizioni in cui siamo?, oppure deve continuare, come ha fatto fin’ora, a rispettare e far rispettare il programma del M5S?

      • Febbraio 26, 2014

        Mai parlato di patti. Ho semplice spiegato che avrebbe dovuto parlare a Renzi mostrando i programmi del M5S. Non lo ha fatto e ha preferito insultarlo. Fallacia ad hominem. Ovvero un’argomentazione priva di logica. Avrebbe fatto più bella figura se avesse mostrato i suoi programmi e fatto vedere agli italiani che Renzi non li accettava. In questo modo, avrebbe dimostrato con i fatti la superiorità del suo Movimento rispetto agli altri partiti, che non accettano le loro proposte. Così, a mio avviso, ha solo sprecato un’occasione.

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  • Ultime Notizie Flash

    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicitá. Non puó pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 2001.

    © Ultime Notizie Flash

  • Chi siamo

    Ultime Notizie Flash by Purple di Filomena Procopio

    Via Della Libertà, 106 - Montesano Salentino (Lecce)

    P.I.: 03370960795 - Iscrizione REA: 307423

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

 

Close