Ikea, ritirati dal mercato alimenti pericolosi: pane Multigrain e Rye Crispbread


Ikea ha annunciato di aver tolto dal mercato due alimenti considerati pericolosi per la salute. Sono stati ritirati il pane Multigrain e i Rye Crispbread. Ecco la spiegazione ufficiale data dal colosso svedese, che negli ultimi tempi è salito alla ribalta delle cronache per motivi non strettamente legati ai prodotti che vende. Ikea invita a restituire il  pane Multigrain e i Rye Crispbread. I clienti sono invitati a riportare i prodotti nel punto vendita dove li hanno acquisiti per ottenere il rimborso. L’azienda specifica che alcune confezioni di Multigrain Crispbread, con data di scadenza 06.12.2014 e 07.12.2014, e di Rye Crispbread, con data di scadenza 02.12.2014 e 03.12.2014, sono state accidentalmente esposte a umidità durante il trasporto. Ciò ha causato alterazioni del prodotto potenzialmente dannose per la salute. Dunque, ritirati dal mercato due alimenti pericolosi e l’invito è rivolto a tutti i clienti che hanno acquistato questi prodotti specifici. Si invita a non consumarli e riportarli nel punto vendita. Nel comunicato stampa diffuso dall’Ikea, l’azienda ha chiesto scusa ai consumatori per l’inconveniente e, in via precauzionale, ha invitato tutti i clienti che hanno acquistato confezioni di pane Multigrain e di Rye Crispbread a non consumarli. Solo pochi giorni fa, come detto, Ikea è tornata alla ribalta delle cronache poiché è morto il bimbo che aveva mangiato un wurstel nella struttura di proprietà svedese. Il piccolo era rimasto soffocato ed è defunto dopo alcuni giorni di agonia. Ancora un problema per la ditta, che si è mossa per tempo e in via precauzionale ha spiegato l’errore commesso invitando a non consumare i prodotti suddetti che portano le date di scadenza riportate.


Leggi altri articoli di Attualità Italiana

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close