Marianna Cendron scomparsa, su Facebook spunta un suo profilo

Da tempo non parliamo della scomparsa di Marianna Cendron, la diciottenne scomparsa da Paese in provincia di Treviso il 27 febbraio 2013. La ragazza manca da casa ormai da un anno. Di questo caso si è molto occupato il programma Chi l’ha visto ma di lei si è parlato anche in altre trasmissioni. Le novità però questa volta arrivano da Facebook: sul noto social network infatti è comparso un profilo di Marianna difficile dire se sia falso oppure no. E’ stato qualcuno a creare questo profilo e per quale motivo? La foto di Marianna usata per questo profilo ( la trovate alla fine del pezzo) però ci sembra essere diversa da quelle che abbiamo visto di solito, come se la ragazza sia cresciuta.

LA STORIA DI MARIANNA SCOMPARSA DA PAESE

Marianna era scomparsa da casa una sera qualunque. Era andata come sempre faceva a lavorare nel ristorante in cui era stata assunta. Per la sera aveva un appuntamento con il suo fidanzato. Marianna non viveva in casa con i genitori adottivi ma in casa di un vicino. Stava attraversando un momento particolare per quello che era il suo rapporto con i suoi genitori qui in Italia. Sembra che il suo desiderio fosse quello di tornare alle sua origini. La cosa particolare di questo profilo comparso su Facebook è che è stato creato l’1 maggio ma soprattutto che la città indicata nel profilo sia proprio quella dalla quale la ragazza viene.

Parliamo di Sumen, una città della Bulgaria. Ricordiamo che Marianna è stata adottata e viveva da diversi anni in Italia. Tra i suoi desideri quello di tornare dalla sua famiglia ma anche quello di andare in Francia. Adesso il dubbio: la persona che ha fatto il profilo è davvero Marianna? E se fosse lei perchè non dare notizie alla sua famiglia italiana? Lo sapremo probabilmente presto se le indagini ci daranno delle risposte in questo senso.

marianna scomparsa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.