Mondiali, Fiorello modifica l’inno: canta Prandelli d’Italia per caricare gli azzurri


Fiorello carica gli azzurri in vista della decisiva partita contro l’Uruguay. Il comico modifica l’inno nazionale e usa parole su misure in vista dell’incontro di domani. “Senza la vittoria, rischiamo la chioma”, inizia così Prandelli d’Italia. Fiorello ormai ci ha abituato a fare dei video insieme a gente comune. Dalla sua Edicola in poi, sono molte le iniziative irriverenti dello showman. Nell’ultimo video, canta Prandelli d’Italia e carica gli azzurri in vista della partita di domani. “Torniamo a casa se non si fa almeno un gol”, questa l’altra strofa dell’inno rivisitato da Fiorello.

Il ritornello viene cambiato in “Urugua, Urugua, Urugua gua gua guay”. E poi “Prandelli in Italia si vuole far festa, dobbiamo segnare di sponda o di testa”. E qui parte l’invito all’allenatore: “Senza una vittoria si torna a casa, schieriamo i più forti e mandiamoli in gol! Sì!”. Sembra un invito a schierare Ciro Immobile. Il video si chiude con un siparietto comico. Nel testo, c’era scritto si torna a Roma e Fiorello ha spiegato che si torna a casa: non ha senso tornare a Roma.

La probabile formazione dell’Italia contro l’Uruguay – LEGGI QUI


Gli azzurri che hanno steccato – vuoi per la stanchezza, vuoi per motivi tattici – contro la Costa Rica sono stati fatti fuori dalla formazione iniziale. L’unico intoccabile per il ct è Balotelli. Anche se stecca o si comporta male, il ct sembra ignorare tutto ciò. Alla nazionale basta un pareggio per passare il turno, ma il ct sembra essere intenzionato a schierare due punte proprio per voler portare a casa i tre punti.

Cosa deve fare la nazionale per passare il turno – LEGGI QUI

L’Uruguay deve vincere a tutti i costi per passare il turno. Dunque, Fiorello modifica l’inno nazionale per caricare gli azzurri. L’invito è al ct Prandelli di schierare i migliori e accedere al secondo turno dei mondiali. Il video è disponibile cliccando qui.


Leggi altri articoli di News e Cronaca

Commenta l'articolo


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Riscontrata interferenza con Ad Blocker

Il tuo Ad Blocker sta interferendo con il corretto funzionamento di questo sito. Non abilitare Ad Blocker sulle pagine di questo sito oppure disabilitalo temporaneamente.

Ti ricordiamo che il lavoro dei redattori del sito viene pagato grazie alle pubblicità. Sul nostro sito puoi informarti in modo gratuito senza pagare abbonamenti ma devi disabilitare Ad Blocker per rispettare il nostro lavoro. Metti in pausa Ad Blocker per continuare la navigazione sul nostro sito e per continuare a leggere GRATIS le news. Disabilita le impostazioni e aggiorna la pagina.

Grazie per il supporto, buona lettura!

Close