Caso Yara, Bossetti ha davvero raccontato tutta la verità?

Un flusso di notizia che sembra non fermarsi, immagini che ci mostrano un uomo sulla scena del crimine. Dalla trasmissione Segreti e Delitti in onda ieri abbiamo potuto vedere delle immagini che ci mostravano la scena del crimine e non solo. Massimo Giuseppe Bossetti è davvero l’assassino di Yara Gambirasio? Era lui la persona ripresa dalle telecamere che parla al telefono con qualcuno? Sappiamo che Bossetti quella sera era lì e sappiamo anche che aveva chiamato suo madre. La sua è stata semplice curiosità da persona a cui interessava la vicenda oppure era andato sul posto nel tentativo di capire che cosa stavano dicendo i giornalisti in merito al ritrovamento del corpo di Yara? La presenza di Bossetti sulla scena del crimine potrebbe avere un senso che però solo gli inquirenti potranno dare collegando questo tassello agli altri di cui dispongono.

BOSSETTI RACCONTA LA SUA VERITA’ AI GIUDICI- LEGGI QUI

UNA DATA CHIAVE IN QUESTO MISTERO O FORSE DUE

Come vi abbiamo già detto ci sarebbero due date fondamentali in questa storia. La prima riguarda la settimana prima la scomparsa di Yara. Era il 20 novembre 2010: bisogna cercare qui il movente dell’omicidio? Sempre da Segreti e Delitti sappiamo che quella sera c’era stato un evento molto particolare che riguardava l’astronomia, un incontro al quale avevano partecipato molte persone della provincia di Bergamo, tanti bambini con le loro famiglie. E’ possibile che ci fossero sia Bossetti che Yara?

La seconda data che in realtà è un periodo di tempo più vasto, riguarda le vacanze di Pasqua. In quei giorni di festa Ester e Bossetti avrebbero potuto dirsi qualcosa. Si sapeva infatti che Guerinoni era il padre di Ignoto 1. La donna ne aveva parlato con suo figlio? Avevano avuto qualche sospetto in merito? Sapevano che presto si poteva arrivare alla loro identità?

Bossetti intanto continua a dirsi innocente. Ma ha davvero raccontato tutta la verità?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.