Demo di Pro Evolution Soccer 2015 oggi disponibile su Playstation Store

E’ da oggi ufficialmente scaricabile anche per Playstation 3 e 4 la demo gratuita di Pro Evolution Soccer 2015. Pes era già disponibile in versione dimostrativa per gli utenti che posseggono una Xbox e da oggi sarà scaricabile anche per gli utenti che hanno una Playstation. C’è molta attesa da parte dei fan per verificare con le proprie mani (e i propri occhi) se i miglioramenti tanto decantati da Konami sono effettivamente avvenuti. Dai vari video gampelay era senza dubbio possibile notare i notevoli passi avanti fatti dal team. Ma ciò che tutti si chiedono è se il gioco risulti all’altezza di Fifa 2015 e se, soprattutto, potrà rinverdire i fasti del passato. Infatti, la serie di Pro Evolution Soccer ha perso di spessore a partire dal primo videogame uscito per la Playstation 3.

Pes 2015, ecco il video gameplay – LEGGI QUI

Se la grafica ha sempre fatto passi in avanti, la giocabilità ha sempre fatto passi indietro. Stavolta la speranza è che Konami sia riuscita a mettere insieme le componenti che hanno reso il videogame un cult. Giocabilità e strategia hanno sempre fatto di Pro Evolution Soccer uno dei migliori videogiochi di calcio su piazza. Per anni ha sbaragliato la concorrenza di Fifa, ma da almeno 6 anni non riesce più a reggere il confronto. Vedremo oggi se con la demo della versione 2015 qualcosa sarà cambiato in meglio. La versione dimostrativa è già scaricabile per Xbox Store per Xbox 360 e Xbox One.

Nuovo Pes, dettagli su Master League e Licenze – LEGGI QUI

Rispettivamente, con il peso rispettivamente di 984,48 MB e 2,50 GB. Oggi sarà disponibile anche su Playstation Store per Ps3 e Ps4. Facile immaginare che la memoria occupata sarà più o meno simile a quella della controparte Microsoft. La demo permette di giocare partite soltanto partite amichevoli prive di commento scegliendo tra Bayern Monaco, Juventus, Napoli, Real Madrid, Barcellona, Athletic Bilbao, Bayern Monaco e Atletico Madrid. Riuscirà Pro Evolution Soccer 2015 a rinverdire i fasti che furono?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.