Yara è stata uccisa da un mancino? Bossetti è innocente?

Due domande. Negli articoli di cronaca sarebbe meglio non porsi delle domande ma cerca di dare delle risposte. Non è però possibile farlo quando di parla di indiscrezione, di incertezze e non si hanno delle conferme. Chi ha ucciso Yara Gambirasio? Su Oggi arrivano le ultime notizie: dopo le indiscrezioni che riguardavano la ferite inferte sul corpo di Yara ( due mani diverse secondo le ultime indiscrezioni, con due armi o tre diverse) si parla anche del come. Sarebbe stato un mancino a colpire Yara con delle armi da taglio. Ma queste sono le convinzioni dei legali di Massimo Giuseppe Bossetti che hanno parlato con il giornalista Giagavino Sulas che ha poi messo nero su bianco quello che ha ascoltato.

“Chi ha ferito Yara con quel taglio che corre dalla zona lombare al gluteo è un mancino. Impugnava il coltello con la mano sinistra. Ma Bossetti è destrorso” dice Claudio Salvagni, uno degli avvocati di Bossetti, e il giornalista di Oggi, come anticipato nel programma Pomeriggio Cinque nella diretta del 18 novembre 2014, ha raccolto quindi la testimonianza degli avvocati del presunto assassino di Yara. Non sono certezze quindi, sarebbero le convinzioni dei legali che difendono Bossetti che da sempre hanno sostenuto che avrebbero dimostrato l’innocenza del loro cliente. Non è una novità il fatto che quasi dall’inizio si sia pensato che a uccidere di Yara non fosse stata una sola persona. Si è parlato di complici, di altre persone coinvolte ma a oggi in carcere c’è solo Massimo Giuseppe Bossetti con l’accusa di omicidio. Ci sono altri mostri in giro?

A proposito delle ferite inferte sul corpo di Yara i legali di Bossetti dichiarano: “Gli altri tagli invece sembrano provocati da un’arma impugnata con la mano destra. Anche se la relazione medico-legale non lo specifica. Si limita a sottolineare che un colpo è stato inferto dal basso verso l’alto. E anche questa è una conferma che gli assassini siano stati almeno due”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.